I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Quelli che i numeri non dicono
L'Export digitale italiano è in crescita, trainato dal settore Fashion

Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano sono un'autentica eccellenza italiana, una realtà molto blasonata considerata un vero punto di riferimento per quel che riguarda l'innovazione digitale.

Gli Osservatori tengono costantemente dei convegni sull'argomento e c'era davvero un grande interesse per quello che si è tenuto giovedì 16 aprile, dal titolo "Export Digitale: è tempo di innovare!"; con l'occasione è stato fatto il punto sui trend del commercio elettronico italiano rivolto alle nazioni straniere e quanto è emerso è davvero interessante.

Il delicato periodo che stiamo vivendo, peraltro, pone il commercio elettronico al centro dell'attenzione: l'emergenza sanitaria ha bloccato tantissime attività e tra le poche che, nel breve periodo, sembrano destinate a reggere l'onda d'urto di questa pesante ed inattesa crisi economica vi sono proprio quelle che vendono in rete.

Scopriamo subito, dunque, che cosa è emerso da questo convegno.

Export digitale: nel 2019, business per 11,8 miliardi di euro

Anzitutto, un dato incoraggiante: le aziende italiane che commerciano digitalmente con paesi esteri hanno sviluppato, nell'arco del 2019, un business superiore del 15% rispetto all'anno precedente, quantificato in 11,8 miliardi di euro; considerando che nel 2015 esso si attestava a quota 6 miliardi, la crescita è davvero nitida e netta.

Se si considera l'export complessivo delle imprese italiane, tuttavia, si evince come le vendite effettuate attraverso il web corrispondano ad appena il 2,5%, di conseguenza l'imprenditoria italiana che intende essere competitiva in tal senso ha sicuramente ancora molta strada fare.

Fashion al primo posto

A questo punto, sorge spontaneo chiedersi quali siano i settori che registrano maggior successo a livello di esportazioni digitali, e il primo posto non stupisce, essendo occupato dal Fashion.

Il Made in Italy del settore moda è un'eccellenza in tutto il mondo, di conseguenza i vari brand possono assolutamente valorizzare il commercio elettronico finalizzato all'export usufruendo non solo del proprio blasone, ma anche, in generale, del sempre altissimo interesse nei confronti della moda italiana.

Il settore Fashion, secondo i dati presentati, corrisponde a oltre la metà delle esportazioni italiane eseguite tramite il commercio elettronico, esattamente al 66% del totale per un giro d'affari di 7,8 miliardi di euro.

Food e Arredamento completano il "podio"

Al secondo posto, se pur molto distanziato, figura un'altra indiscussa eccellenza italiana quale il settore Food, corrispondente all'11% del totale per un valore complessivo di 1,3 miliardi di euro.

Molte delle specialità italiane, peraltro, si prestano molto bene ad essere commerciate in rete anche per via della loro lenta deperibilità, si pensi ad esempio ai vini, alle molteplici tipologie di formaggi, alla pasta e via discorrendo, ulteriori ragioni per credere che l'export digitale di alimenti possa crescere non poco nel prossimo futuro.

A completare il "podio" dei settori più floridi vi è l'Arredamento, corrispondente all'8% delle esportazioni digitali: anche qui le eccellenze italiane sono molteplici, senza trascurare il grande blasone che il Made in Italy può vantare nel mondo del design il quale contribuisce non poco nell'affermare all'estero queste produzioni nostrane.

Negli ultimi anni, peraltro, è cresciuto in modo esponenziale l'arredo di esterni, sia perché molte aziende del settore hanno scelto di valorizzarlo e sia perché, a livello tecnico, sono stati introdotti nuovi materiali che si prestano particolarmente bene alla produzione di elementi outdoor: gli arredi da giardino sono ormai una "colonne" del commercio digitale e sono trattati non solo da siti web specializzati in arredo, ma anche da e-commerce che si focalizzano sul giardino, come MyGreenHelp, proponendo anche consulenze dedicate.

A completare il quadro delle esportazioni digital delle aziende italiane vi è un 15% che ingloba settori disparati quali l'elettronica, la cosmetica, la cartoleria ed altri ancora, dei settori che hanno sicuramente dimostrato di essere importanti ma che sono ben distanti dai 3 che occupano le prime posizioni.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    exportfashion
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    Palamara-gate

    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    i più visti
    in vetrina
    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto

    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mini svela la nuova Countryman

    Mini svela la nuova Countryman


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.