I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Quelli che i numeri non dicono
Messenger, WhatsApp e Instagram in un'unica chat: ecco perché è più di un'indi

Se oggi si chiede ad una persona a caso quale sia lo strumento che preferisce per comunicare online in modo privato, ci sono pochi dubbi sul fatto che la risposta sarà una di queste 3: Messenger di Facebook, WhatsApp oppure i Direct Messages di Instagram.

Il trittico alla base delle comunicazioni private

Questi canali costituiscono quasi la totalità delle comunicazioni che viaggiano in rete, ma in realtà affermare questo risulta perfino riduttivo: queste 3 applicazioni infatti hanno quasi monopolizzato l'intero mondo delle comunicazioni private, non solo quelle online, soppiantando di fatto gli SMS (oggi un messaggio di testo può essere inviato gratuitamente e in modo più pratico), le telefonate (basta pigiare un tasto per registrare e inviare un audio) e per certi versi anche le email.

Non ci sono dubbi, dunque: il trinomio composto da Messenger, WhatsApp e Instagram ha oramai una potenza enorme, di conseguenza le novità che riguardano queste applicazioni non possono che suscitare un interesse mondiale.

Messenger, WhatsApp e Instagram in un'unica chat

Un'indiscrezione di cui si sta parlando sempre più spesso negli ultimi tempi è la possibilità che queste tre applicazioni possano fondersi in una chat univoca, o meglio una chat in cui l'utente possa gestire in modo pratico tutte le conversazioni che tiene nei vari ambienti web.

La notizia in questione non è un semplice "rumor", ma si fonda su qualcosa di ben più solido. Scopriamo perché.

Non solo Messenger, anche WhatsApp e Instagram appartengono a Facebook

Anzitutto è bene sottolineare, per chi non lo sapesse, che tutte queste applicazioni appartengono a Facebook: il colosso di Mark Zuckerberg propose già ai suoi albori la possibilità di chattare in modo privato, successivamente ha acquistato dapprima Instagram, nel 2012, e due anni dopo anche WhatsApp.

La storia di queste acquisizioni è molto diversa: Instagram fu acquistato per una cifra "modesta", un miliardo di dollari, e fu un'autentica scommessa vinta, dal momento che oggi il social delle fotografie spopola in modo assoluto, soprattutto tra i giovani.

Differente fu, invece, l'acquisizione di WhatsApp: quest'applicazione, che originariamente richiedeva il pagamento di un esiguo canone annuo, si era imposta sul mercato in modo davvero massivo di conseguenza Facebook, per potersi accaparrare quello che era divenuto a tutti gli effetti un competitor, dovette sborsare una cifra ben superiore, pari a 19 miliardi di dollari.

Chiudendo quest'interessante parentesi storica, comunque utile per capire perché le 3 iconiche chat potrebbero presto fondersi, facciamo il punto su cosa è emerso negli ultimi tempi.

Tanti nuovi segni di integrazione tra le App

L'integrazione tra Facebook e WhatsApp è ormai palese, basti pensare che, ad esempio, il social network rileva i contatti WhatsApp dell'utente per suggerirli tra le "persone che potresti conoscere", stesso dicasi per Instagram, si pensi al fatto che questo social chiede all'utente se le "storie" che si appresta a postare vogliono essere pubblicate anche su Facebook.

Oltre a tali aspetti e a tanti nuovi segni di interconnessione tra le varie App di proprietà di Facebook, si pensi alla novità delle "Stanze" che il social network propone in homepage e che ricorda molto da vicino le funzioni tipiche di WhatsApp, si segnala quanto pubblicato dal portale internazionale WABetaInfo, specializzato nell'analisi dei codici: nell'ultima versione beta di Facebook Messenger si sarebbero infatti individuate delle similitudini davvero importanti con le altre due applicazioni, in particolar modo con WhatsApp.

Perché questa scelta potrebbe essere vincente

Ed allora, le tre iconiche chat andranno realmente a fondersi in un prossimo futuro? Per scoprirlo non resta che attendere, e se così dovesse essere i più importanti portali "tech" italiani come Chimerarevo.com non tarderanno a fornire tutte le indicazioni utili per un utilizzo ottimale, quel che è certo è che un'operazione come questa potrebbe avere dei risvolti molto positivi sia per gli utenti che per la società di Menlo Park.

Da un lato, l'utilizzatore potrebbe gestire le sue comunicazioni in modo centralizzato, senza dover necessariamente aprire le varie App, e questo potrebbe senz'altro rendere più agevole la relativa fruizione, dall'altro Facebook potrebbe valorizzare al massimo questi 3 canali anche per quel che riguarda gli utenti che tendono a trascurare alcuni di essi, si pensi ad esempio ai giovanissimi che amano Instagram e che non sentono l'esigenza di utilizzare Facebook, o magari a chi è poco "social" e tende ad utilizzare soprattutto WhatsApp.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    messengerwhatsappinstagram
    Loading...
    in evidenza
    Canalis senza veli in piscina Nuota senza costume. FOTO

    Diletta, Belen e... Le foto delle vip

    Canalis senza veli in piscina
    Nuota senza costume. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo choc, estate addio: arriva CICLONE AUTUNNALE con NEVE

    Previsioni meteo choc, estate addio: arriva CICLONE AUTUNNALE con NEVE


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nasce Why Buy Evo, il nuovo leasing operativo di BMW

    Nasce Why Buy Evo, il nuovo leasing operativo di BMW


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.