I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo Rosa
Alto Adige: Un rifugio per tutti

Cultura e gastronomia tra musei a oltre due mila metri a Plan de Corones.

Forse la Rivoluzione può partire da una carbonara tirolese (di sicuro una delle migliori mai provate) gustata con gli scarponi da sci ai piedi. Un ristorante a 2.275 metri: chi lo ha creato parla di «standing, dining e lounging» ma quel che è davvero importante è che a qualunque tavolo ci si sieda si ammira un panorama unico sulle Dolomiti. Parla di «food space» ma nessuna definizione può spiegare il gusto della cucina di montagna locale. AlpiNN è cibo e bellezza (anche all’interno grazie alla perfetta combinazione tra tradizione e innovazione).

QUASSÙ LA CARBONARA TIROLESE È PREPARATA CON FUSILLI DI FARRO, PANCETTA, UOVA BIO E RICOTTA DI MALGA

A Plan de Corones (Bolzano) s’incrociano diversi impianti di risalita che d’inverno servono a una folta schiera di sciatori (per non parlare di chi arriva nei mesi estivi per scendere da qui con la mountain bike, camminare, prendere il sole e così via). Da un po’ di tempo, poi, si viene anche per «cultura»: due infatti sono i musei aperti dedicati alla montagna (e a che altro se no?). Uno è quello che l’archistar Zaha Hadid ha progettato facendolo sbucare dalla parete per esaudire il progetto di Reinhold Messner per custodire piccozze, cimeli e immagini che raccontano l’alpinismo. Mentre nel punto diametralmente opposto c’è il nuovo Lumen: 1.800 mq dedicati alla fotografia di montagna.

Da due mesi «ospite» di questo spazio è AlpiNN: una struttura di vetrate che pare galleggiare sul vuoto, arredi in legno chiaro, cucina a vista, menu stagionali e territoriali, materie prime di produttori e allevatori locali, acqua di fonte (bandite le bottiglie in plastica) per menu sostenibili (anche economicamente). Artefici della novità (è la dimostrazione che in quota si può parlare di alta cucina e ottimo design) sono lo chef tristellato Norbert Niederkofler e il designer Martino Gamper. Ambedue altoatesini, il primo è un convinto sostenitore dell’idea che «il cuoco deve assumersi il ruolo di “educatore emozionale” capace di promuovere un nuovo stile di vita» in quanto proprio la cucina è in grado di incoraggiare «processi culturali per la diffusione di un modello di sviluppo sostenibile».

Commenti
    Tags:
    alto adige
    in evidenza
    Natale gender free : al bando gli spot dei regali "sessisti"

    La legge che crea polemica

    Natale gender free: al bando gli spot dei regali "sessisti"

    
    in vetrina
    Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni

    Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni


    motori
    FIAT apre il primo Metaverse Store

    FIAT apre il primo Metaverse Store

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.