I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo Rosa
Meglio praticare sport o fare una dieta?

E se per perdere peso, e soprattutto proteggere la nostra salute, scongiurando il rischio di diabete e di danni al cuore, puntassimo, invece che sulla dieta, sull’attività fisica? 

Di più: se proprio smettessimo del tutto di preoccuparci di quello che mangiamo e ci trasformassimo da «couch potatoes», patate da divano, e cioè da pantofolai, in sportivi? 

Facciamo il punto 

La proposta viene dall’America, dove il 70 per cento della popolazione adulta è sovrappeso e il 36,2 francamente obesa e i moniti a mangiare meno, soprattutto a rinunciare al cibo spazzatura, che si ripetono ormai da decenni, non hanno avuto alcun risultato. 

Anzi hanno spesso innescato il cosiddetto fenomeno «yo-yo»: perdite di peso seguite da recuperi ( spesso con gli interessi) dannosissimi per la salute perché associati a un maggiore rischio di patologie cardiovascolari e di diabete.

La ricerca sta facendo discutere: perdita di peso a confronto con l’aumento dell’attività fisica per la riduzione dei rischi per la salute. 

Lo studio punta sull’importanza del controllo della pressione arteriosa e dell’aumento delle capacità polmonari e della “muscolar fitness” rispetto alla diminuzione del peso corporeo. 

Riduzione del peso e attività fisica sono due armi complementari per proteggere la salute. Ma quando si parla di “dieta” , non penso certo all’ossessione di pesare maniacalmente tutto, alla mania del calcolo delle calorie o alla demonizzazione di certi cibi e all’assunzione a “salva vita” di altri. 

Bisogna pensare meno alla “quantità” del cibo e più alla sua “qualità”. 

No al cibo spazzatura pieno di grassi e zuccheri semplici e povero di vitamine, fibre, minerali e spesso anche di proteine e dalla forte azione infiammatoria che come ben sappiamo è dannosa perl’intero organismo.

Ma l’esercizio fisico di per sé fa dimagrire? 

Sebbene l’esercizio fisico in genere non porti a riduzioni significative del peso o del grasso corporeo, può ridurre significativamente il grasso viscerale ed “ectopico”: quello che sta dove non dovrebbe stare e invade sangue, fegato, pancreas, midollo osseo e persino i muscoli e il cuore. E ci sono anche altri benefici. 

Come la riduzione della pressione arteriosa, miglioramento del controllo della glicemia e del funzionamento generale dell’apparato cardiovascolare, calo dei lipidi e cioè del colesterolo cattivo. 

Ma il moto è fondamentale anche perché comporta il rilascio di endorfine, gli ormoni del buon umore, che contribuiscono a ridurre la propensione verso i cibi “consolatori,” in genere ricchi di grassi “cattivi” e di zuccheri di“pronto utilizzo” che fanno impennare l’insulina e causano un rapido ritorno dell’appetito. 

Cardiofitness, di che cosa si tratta esattamente? 

A prescindere dal fatto che mezz’ora di camminata di buon passo, ogni giorno, è già utilissima e allena il cuore; concardiofitness si intende un allenamento aerobico che aiuta a perdere peso e accresce efficienza cardiaca e respiratoria. Si svolge a “circuito”, cioè tramite macchinari differenti o anche elastici o piccoli pesi da usare in serie, con tempi e obiettivi diversi. 

Come ad esempio: Si possono effettuare, a casa, flessioni sulle braccia, squat libero, addominali, affondi, estensioni con elastici, alzate laterali con piccoli pesi effettuando 15- 20 ripetizioni per ogni esercizio per almeno tre serie con brevi pause. 

In palestra,invece, si possono fare esercizi aerobici con bike,tapis roulant o ellittica alternati da esercizi con crunch machine, pectoral machine,macchina abduttori e adduttori, leg extension. Facendo sempre tre serie a basso carico con pause di 20 secondi tra un esercizio e l’altro.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    dietasalute
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)

    Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.