I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
The Ghost Writer
Alla pubblicità serve un nuovo format, il Carosello 2.0

La storia della pubblicità italiana in televisione non può prescindere da un format che ha accompagnato milioni di persone per oltre 20 anni: il Carosello. L'idea vincente fu quella di far passare la pubblicità come divertimento, utilizzando in particolare i generi in cui l'Italia era maestra, ossia la commedia all'italiana, la rivista e l'avanspettacolo. La metrica era molto chiara: inizio e fine di puro spettacolo e al centro gli spot, creati per essere ricordati. Oggi, complice la forte affermazione dell'advertising online, l'offerta pubblicitaria appare molto più condizionata, rispetto al passato, dai consumatori/utenti, e questo influenza inevitabilmente il linguaggio e il format. 

Stare al passo con i tempi deve essere non solo una necessità ma una strategia che ben si adatta alle esigenze del mercato e dei consumatori, oggi sempre più desiderosi di influenzare le sorti di una campagna. Se da una parte sono mutati i canali di fruizione della pubblicità e conseguentemente l'interattività, dall'altra alla tradizionale figura del pubblicitario si sta sempre più affiancando quella del regista cinematografico prestato al set dello spot. 

L'ultimo caso che ha diviso la rete riguarda il nuovo spot di Parmigiano Reggiano realizzato dal regista Paolo Genovese e prontamente rivisto dal Consorzio dopo il caos online.

Su questo specifico caso vale la pena partire dalle parole di Carlo Mangini, direttore comunicazione, marketing e sviluppo commerciale del Consorzio Parmigiano Reggiano che in una nota ufficiale ha ribadito il profondo rispetto nei confronti di chi in rete ha espresso contrarietà rispetto al messaggio declinato su diversi spot e conseguentemente ha annunciato una modifica dei successivi. L'errore è stato commesso, si è trattato di un errore di scrittura, di un errore di testing, di una costruzione cinematografica che ha enfatizzato il messaggio che in partenza erà già infelice. Ma questo episodio ha evidenziato il peso specifico della rete, e dei social network in particolare, sul successo o meno di uno spot, e sull'up o il down reputazionale di un brand. Oltre alle logiche del mercato si deve quindi fare i conti con l'umore del web dove qualunque commento, a favore oppure critico, vale uno e soprattutto non si perde nell'etere, al contrario rimane, esattamente come quel timbro che contraddistingue il Parmigiano Reggiano.

Tornando quindi a parlare di pubblicità, forse quello che oggi manca sono delle nuove metriche, che non possono essere più quelle del Carosello anni 50 ma potrebbero trasformarsi in qualcosa di diverso, una sorta di Carosello 2.0, dove i registi rimangono tali e si occupano di popolare la parte iniziale e finale dello spettacolo, i creativi tornano a dominare il palcoscenico delle idee, costruendo spot capaci di responsabilizzare gli utenti a tal punto da essere poi loro gli storyteller verso le nuove generazioni. In questo modo si tornerebbe ad un intrattenimento pubblicitario nuovamente ordinato, dove il prodotto e la marca rappresentano l'archetipo del messaggio che si vuole trasmettere e non la cornice nella quale si vanno ad innestare altri pensieri che, rielaborati in chiave creativa, possono generare confusioni interpretative.   

Perchè poi alla fine la pubblicità serve, e come diceva il sociologo Marshall McLuhan " si tratta della più grande forma d’arte del XX secolo".

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    comunucazionecreativitàmercato advpubblcitàspot
    in evidenza
    In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

    Coppa Italia, Roma-Lecce

    In gol Arturo Calabresi
    È il figlio del Biascica di Boris

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.