I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
The Ghost Writer
Non chiamiamola Transizione Ecologica ma Sostenibilità Competitiva

Gestire in modo differente il consumo delle risorse del pianeta è diventata un’urgenza non più procrastinabile: il punto centrale di qualunque agenda green deve essere quello del riutilizzo delle materie prime. Per questo occorre favorire un processo di trasformazione di tutte le economie mondiali partendo da una modifica radicale di un modello di sviluppo che nei decenni ha eroso le risorse naturali drogando l’intero ciclo di vita.

Il punto di riferimento per tutti deve essere l’Agenda Globale delle Nazioni Unite 2030 e i 17 Sustainable Development Goals: una visione integrata dello sviluppo sostenibile, basata su quattro pilastri: Economia, Società, Ambiente, Istituzioni e su tre principi cardine Integrazione, Universalità e Partecipazione.

Sono anni che si invoca un cambio di passo culturale oltre che produttivo e industriale a favore dell’economia circolare, con una virata importante verso le fonti rinnovabili, un ridimensionamento del consumo del suolo e delle riserve idriche, politiche governative orientate a favorire strategie green da parte delle imprese e comportamenti realmente sostenibili da parte delle persone.

Grazie all’attivismo delle nuove generazioni e all’instancabile lavoro di tante associazioni e organizzazioni a carattere internazionale è cresciuta la consapevolezza ma mancano ancora significativi risultati.

Trasformare realtà produttive secondo logiche di sostenibilità è un processo complesso che richiede tempo e investimenti. Ad accompagnare questo processo di sviluppo competitivo, che riguarda certamente le imprese ma non solo, anche gli Enti Locali, le organizzazioni di rappresentanza, i singoli cittadini, deve necessariamente esserci la comunicazione, ovvero un processo di narrazione che faccia comprendere i reali vantaggi legati ad un comportamento che salvaguardi l’ambiente, le risorse, la quotidianità, il futuro.

Anche nei processi di comunicazione occorre trasformare i linguaggi sino ad ora utilizzati per sensibilizzare e coinvolgere gli stakeholder a sostenere un reale cambiamento nel paradigma narrativo legato alla sostenibilità.

Un primo passo necessario è quello di semplificare: iniziamo a parlare invece che di transizione ecologica di sostenibilità competitiva, può sembrare banale ma il meglio dagli individui lo si ottiene quando c’è competizione. Semplificare vuol dire anche decodificare, ovvero riuscire a raccontare l’essenziale in modo chiaro, comprensibile a tutti, mostrando la reale ricaduta rispetto a certi cambiamenti.

L’altro elemento chiave sono gli strumenti scelti per comunicare: la sostenibilità è ancora troppo verticalizzata, manca una strategia integrata che metta in evidenza l’omogeneità di tutte le strategie messe in atto. Spesso la comunicazione sul bilancio sociale non è perfettamente integrata con la comunicazione corporate o di prodotto. Questo genera distonia verso i pubblici.

A tutto questo si aggiungono i benefici legati allo sviluppo tecnologico e digitale dei sistemi produttivi, elementi fondamentali per sistematizzare i processi, favorire l’analisi delle performance e dei dati e proiettare l’industria verso una innovazione realmente sostenibile.

La buona notizia di questi giorni è la nomina, nel nuovo esecutivo guidato da Mario Draghi, di Roberto Cingolani, un fisico, un docente esperto di linguaggi e nuove tecnologie. A lui il compito di rendere la sostenibilità realmente competitiva, puntando molto su un processo narrativo diverso da quello utilizzato oggi per promuovere l’economia circolare. Serve un cambio di passo importante a partire dalla modifica del PNRR,  dove non si intravede ad oggi una reale e virtuosa strategia di comunicazione legata allo sviluppo della sostenibilità.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sostenibilitàsostenibilità competitivatransizione ecologicaroberto cingolanigoverno draghiagenda2030
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.