A- A+
Calabria
carabinieri gargano

La Polizia ha arrestato l'uomo che questa notte ha lasciato una bottiglia di nafta accanto al portone della Procura Generale di Reggio Calabria. Si tratta di una bottiglia in plastica da un litro e mezzo quasi interamente ricolma di nafta, con vicino un accendino Bic di piccole dimensioni, la cui presenza era stata segnalata da una telefonata anonima giunta alla Polizia. Nonostante la vigilanza dell'Esercito che presidia gli uffici giudiziaria dopo l'attentato del 2010, i militari non si erano accorti di nulla.

Sul posto nella notte i vertici di Polizia e Carabinieri, compresi il Questore Guido Longo e il comandante provinciale Colonnello Lorenzo Falferi. La visione delle videocamere di sorveglianza, secondo quanto apprende l'AGI, ha restituito il volto di un uomo, il quale, nonostante risulti incensurato, e' stato riconosciuto dal personale della Polstato. Subito sono scattate le ricerche, concluse con l'arresto operato dalla Squadra Mobile diretta dal primo dirigente Gennaro Semeraro.

SEGNALI INQUIETANTE - Ma di certo la molotov è l'ennesimo segnale inquietante in una città dove la 'ndrangheta è da tempo tornata a una strategia intimidatoria. Ci sono pochi dubbi sul fatto che si tratti di un gesto dimostrativo per lanciare un "messaggio" ai magistrati. Nel 2010 una bomba fu fatta esplodere davanti l'ingresso della procura generale, esattamente nello stesso punto in cui stasera è stata lasciata la bottiglia incendiaria. Per quell'episodio si è autoaccusato il pentito Nino Lo Giudice, che dopo avere collaborato per un periodo con la Dda di Reggio Calabria si è allontanato dalla località protetta in cui si trovava facendo perdere le sue tracce. Sempre nel 2010 fu compiuto anche un attentato contro l'abitazione del procuratore generale, Salvatore Di Landro, e fu lasciato un bazooka in una zona poco lontana dall'ingresso della Dda, a capo della quale all'epoca c'era Giuseppe Pignatone, successivamente nominato procuratore della Repubblica di Roma. Tra l'altro nei giorni scorsi erano state incendiate le auto dei presidenti di Ance e Camera di Commercio.

Tags:
ndranghetareggio calabria
in evidenza
Grandine-temporali al Nord Caldo super africano al Sud

Previsioni Meteo

Grandine-temporali al Nord
Caldo super africano al Sud

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.