A- A+
Cinisello Balsamo
Cinisello Balsamo: in casa aveva un arsenale, arrestato 59enne

Cinisello Balsamo: in casa aveva un arsenale, arrestato 59enne

Un arsenale composto da 38 armi e oltre 3 mila munizioni e' stato trovato dalla polizia in casa di un 59enne a Cinisello Balsamo, alle porte di Milano. Oltre a una pistola di fine '800 e a un fucile da guerra svizzero, gli agenti della squadra Mobile milanese hanno sequestrato armi di ogni tipo, alcune senza matricola e altre con la matricola abrasa e per questo hanno arrestato in flagranza Antonio Vicino, imbianchino in pensione residente da molti anni nel comune alle porte di Milano ma originario di Gela, in Sicilia. All'arsenale la polizia e' arrivata ieri pomeriggio intorno alle 16:40 da una segnalazione che riportava la possibile presenza di armi in via San Francesco d'Assisi; dopo aver aspettato che il 59enne - privo di precedenti, se non qualche controllo e una denuncia per minacce - uscisse di casa, lo hanno fermato e si sono quindi fatti portare nell'appartamento. Hanno dapprima perquisito gli armadi, per poi raggiungere il bagno, dove, dietro una copertura in plexiglass, sotto la vasca da bagno hanno trovato le armi insacchettate: 13 revolver, 15 pistole, 10 armi lunghe tra cui un fucile d'assalto svizzero lungo oltre un metro.

In altri armadi tra cantina e appartamento, distribuite in varie sacche, sono state trovate 3420 munizioni e altre armi. Agli agenti l'ex imbianchino, un perfetto insospettabile, ha dichiarato di essere un collezionista, ma questo non e' bastato a sollevarlo dalle accuse di detenzione illegale di arma comune da sparo e da guerra e relativo munizionamento, e detenzione illegale di arma clandestina. La scusa del collezionismo e' apparsa ulteriormente improbabile dopo che dietro un armadio dello studio gli agenti hanno trovato quasi 50mila euro in contanti. Particolare non insignificante anche il fatto che alcune armi erano dotate di silenziatore. Elementi che fanno sospettare che le detenesse per conto di qualcun altro: ma su questo indagano gli uomini della sezione anticrimine della Mobile guidata da Massimiliano Mazzali. Durante la nottata, il personale della sezione Balistica e della Scientifica ha proceduto alla catalogazione, a cui seguira' l'analisi dei singoli pezzi, alcuni dei quali sono da subito risultati provenienti da furti. Il 59enne aveva una vecchia licenza di porto d'armi poi revocata. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    arsenale
    i blog di affari
    la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
    Angelo Andriulo
    Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Meglio praticare sport o fare una dieta?
    Anna Capuano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.