Politica

IL CORONAVIRUS NEL MONDO - DAL 26 GIUGNO AL 3 LUGLIO

 

Milano, 3 lug. (askanews) - Le immagini da tutto il pianeta dell'emergenza coronavirus dal 26 giugno al 3 luglio.INDIAUna banca dati del plasma è stata istituita in India, a New Delhi, per consentire alle persone guarite dal Covid-19 di donare sangue con anticorpi e poter sviluppare un trattamento ai contagiati. Si tratta della prima struttura di questo genere in India, quarto Paese al mondo per numero di contagi, dopo Stati Uniti, Brasile e Russia.USAContinuano ad allarmare i dati che arrivano dagli Stati Uniti sul coronavirus, dove negli ultimi giorni sono stati superati i 50mila nuovi casi al giorno. Anche Anthony Fauci, principale esperto del Paese sulle malattie infettive, non ha nascosto le sue preoccupazioni. "Non mi sorprenderei se arrivassimo a 100.000 al giorno se la situazione non dovesse cambiare. Quindi sono molto preoccupato".SERBIAIl numero uno del tennis mondiale, Novak Djokovic, e la moglie Jelena sono risultati negativi a un nuovo test per il coronavirus. I due erano risultati positivi al Covid-19 al ritorno da Zara, in Croazia, il 23 giugno, dove si era svolta la seconda tappa del torneo benefico Adria Tour organizzato dallo stesso campione serbo. Torneo interrotto prima della finale dopo che il bulgaro Grigor Dimitrov, partecipante al torneo, aveva annunciato la positività al virus. A seguire altri tennisti erano risultati positivi e aveva suscitato polemiche un video che ritraeva Djokovic ballare a una festa affollata a torso nudo.FRANCIAIl Covid abbatte anche i leggiadri artisti del Cirque du Soleil. La compagnia che con i suoi spettacoli e le sue acrobazie ha fatto innamorare appassionati di tutto il mondo, ha dichiarato bancarotta dopo quasi 40 anni di attività. A mettere in ginocchio il famoso tendone l'emergenza coronavirus, che ha azzerato gli incassi e ha costretto la società a fare ricorso alla bancarotta. Un'operazione per provare a ristrutturare il proprio debito, in modo da tutelare il futuro delle attività circensi.IRLANDAL'Irlanda brinda a suon di pinte di Guinness la fine dell'emergenza. Con le dovute precauzioni, riaprono i pub, dopo 15 settimane di confinamento dovuto alla pandemia di Covid-19.I pub irlandesi, ma solo quelli che servono cibo, nonché i ristoranti e gli hotel sono autorizzati a riaprire mentre il Paese entra in una nuova fase del suo piano post-lockdown con il progressivo allentamento delle misure, per contrastare i possibili contagi da coronavirus Sars-Cov2.