Advertisement

Spettacoli

Aldo, Giovanni e Giacomo, risate e commozione in "Odio l'estate"

 

Roma, 27 gen. (askanews) - Aldo, Giovanni e Giacomo tornano alle origini. Nel nuovo film "Odio l'estate", nei cinema dal 30 gennaio, ritrovano il mix di comicità e poesia e il tono dolceamaro alla base dei loro successi cinematografici, forse grazie anche alla regia di Massimo Venier, che li diresse nei primi film, da "Tre uomini e una gamba" a "Tu la conosci Claudia"?. Questa volta si tratta però di un film corale, perché i tre hanno figli e mogli, interpretate dalle bravissime Lucia Mascino, Carlotta Natoli, Maria Di Biase. "Abbiamo anche un'età in cui la famiglia, i figli, sono importanti: sono importanti nella vita e anche in un film che racconti"."Nel film ci sono tre situazioni familiari differenti fra di loro: in una funziona molto bene, nelle altre due c'è qualche problema, che anche grazie a qualche complicazione di questa vacanza forse ci si chiarisce, perché alla fine sono sempre delle incomprensioni quelle che impediscono il buon funzionamento di un rapporto".I tre partono per le vacanze estive, non si conoscono e non potrebbero avere vite più diverse, ma si ritrovano a convivere in una piccola isola, nella stessa casa. Giovanni è un precisetto con un'attività in proprio fallimentare, Giacomo è un medico di successo con figlio in crisi preadolescenziale, Aldo un ipocondriaco nullafacente: "Abbiamo voluto raccontare un po' le difficoltà dei genitori, con i figli: età diverse, dalle gemelline agli adolescenti. Credo che tutti i genitori si possano ritrovare e tutti i figli si possano ritrovare".I tre protagonisti del film hanno tratti tipici degli italiani e appartengono a classi sociali diverse, ma il trio ci tiene a tenersi lontano da una satira politica: "Non ci ha mai interessato la satira politica, ci hanno sempre interessato i caratteri, i difetti delle persone oppure le loro condizioni umane particolari. E qua in questa storia ce ne erano, insomma".