A- A+
Coronavirus
Covid, a Israele non mancano mai i vaccini. Perché? Li hanno pagati...

A Israele i vaccini non mancano mai. E non perché il premier Benjamin Netanyahu abbia aderenze con Pfizer ma semplicemente perché Israele li paga 56 dollari a dose e non 19,5 come l’Europa o 39 come gli States (ogni dose ha le due iniezioni), come ha riportato a novembre The Times of Israel. Giusta o sbagliata che sia, la scelta di Israele è stata chiara fin dall’inizio: puntare sui vaccini e assicurarsi che ci siano sempre, ad ogni costo, decidendo di pagarli anche ad un prezzo “maggiorato”. Nel libero mercato, visto che con la globalizzazione i governi hanno sempre meno capacità di determinare processi economici e sociali, anche in situazioni drammatiche come l’attuale, funziona brutalmente così. E’ una scelta che si può non condividere ma è una scelta pianificata. E il mondo sembra avere perso la cultura di un Albert Sabin che donò il vaccino contro la poliomelite non brevettandolo.

La questione sul prezzo, se fosse giusto o sbagliato muoversi in quel modo, ha sollevato un notevole dibattito sui giornali nazionali. In più Ynet News, sito israeliano molto seguito, ha riferito “che l'accordo non obbliga Pfizer a fornire i vaccini, ma si limita a dichiarare che intende farlo secondo le circostanze".

"Non obbliga" eppure a Israele i vaccini non mancano. In queste ore è partita addirittura la vaccinazione dei ragazzi tra i 16 e i 18 anni. L’obiettivo dichiarato è coprire entro fine marzo i due terzi della popolazione che è complessivamente intorno ai 9 milioni, al fine di far ripartire il sistema scolastico “in presenza” visto che è stato sospeso con l'attuale lockdown. E oltre a Pfizer lo Stato ha già chiuso accordi con altre case di produzione.

Ma anche con la massiva campagna di vaccinazione il virus non è scomparso. Domenica il governo ha approvato la chiusura dell'aeroporto Ben Gurion, principale accesso ad Israele. Il blocco nazionale durerà fino al 31 gennaio. L’idea è di "sigillare ermeticamente" lo Stato, visto che le mutazioni del Covid-19 nel Regno Unito, in Sud Africa e in California, già rilevate nel Paese, stanno dando vita ad una terza ondata. Il capo dei servizi di sanità pubblica presso il ministero della Salute, la dottoressa Sharon Elrai-Price, ha dichiarato alla Commissione per la costituzione, la legge e la giustizia della Knesset che un divieto prolungato sui voli internazionali è l'unico modo per combattere il ceppo britannico di coronavirus, che ha detto è diventato il predominante. "La variante britannica è il 50% più contagiosa", ha dichiarato Elrai-Price Ynet News, "circa il 40% delle infezioni al momento sono tra i bambini e quando siamo usciti dal secondo blocco, loro (i bambini) erano il 29% della popolazione infetta. Stiamo assistendo a un aumento della percentuale di studenti infetti in primo e quarta elementare e siamo preoccupati per questo". Una terza ondata che potrebbe far presto capolino da noi. A dicembre il ministro israeliano della Salute, Yuli Edelstein ha spiegato così la situazione: "Ci vorranno dai 2 ai 3 mesi affinché il programma di vaccinazione abbia effetto". Aggiungendo: “Abbiamo sprecato tempo prezioso e il livello delle infezioni è tale che non abbiamo altra scelta che andare in lockdown".

Noi italiani che di tempo ne abbiamo a iosa e non ne abbiamo mai sprecato, mangiando pane e lockdown, non badiamo a queste sciocchezzuole. Tanto meno apprezziamo termini come “pianificazione” e capacità di adattarsi alla situazione cambiando velocemente i piani. Perché se il virus accelera chiudiamo tutto... e i costi li pagano i cittadini. Tanto ai governanti lo stipendio arriva comunque.

Siamo troppo occupati con una crisi di governo degna dello Stato libero di Bananas e a pensare di far causa a Pfizer per i ritardi dei vaccini. Uno spettacolo per grulli. I contratti con la farmaceutica statunitense sono stati firmati dall’Unione Europa.

Commenti
    Tags:
    terza ondata israeleisraele hanno i vaccini perché li pagano 56 $costo vaccini europa italia israele usacovid costo vaccinoisraelecovid israeleisraele covid news
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    “Elisabetta rifatti una vita…” Filippo, il web sdrammatizza

    Cronache

    “Elisabetta rifatti una vita…”
    Filippo, il web sdrammatizza

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei Famosi 2021, concorrente si ritira: "Gravi motivi familiari"

    Isola dei Famosi 2021, concorrente si ritira: "Gravi motivi familiari"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Nuova CLS: look più sportivo e stile tailor made

    Mercedes Nuova CLS: look più sportivo e stile tailor made


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.