A- A+
Coronavirus
Covid, i dati smentiscono la strategia del lockdown e del vaccino
(fonte Lapresse)

La mortalità totale (per tutte le cause) è in gennaio in Italia sotto la media, cioè sotto il livello registrato nel gennaio 2019, gennaio 2018 e gennaio 2017 un fatto documentato dall'Osservatorio Europeo sulla Mortalità, EuroMomo https://www.euromomo.eu/graphs-and-maps (basta scorrere la pagina fino a trovare l’andamento settimanale dei singoli paesi.

A dispetto dei 300 o 500 morti Covid indicati ogni giorno (che si tradurrebbero in circa 3mila morti alla settimana) questo mese di gennaio i decessi totali, sono meno della media. Evidentemente i decessi per altre cause, cuore, tumori e così via, devono essere calati se il totale non è maggiore degli altri anni. Oppure i decessi degli 86 enni classificati come Covid sono in realtà attribuibili ad altre case dovute all’età e alla presenza di altre patologie tipiche dell’età avanzata. Dal punto di vista aritmetico non ci sono altre spiegazioni: o calano, per ragioni che nessuno spiega, i decessi per altre malattie oppure i decessi “Covid” sono in realtà dovuti ad altre patologie.

Qualunque sia la spiegazione, è comunque un dato che non siamo più in emergenza da un mese, perché si muore persino meno degli altri anni.

Questo calo della mortalità non è attribuibile – come molti pensano -  al lockdown che avrebbe ridotto le polmoniti (l’influenza è praticamente scomparsa quest’anno ovunque), perchè in Svezia dove tutti sono fuori alla sera senza distanziamento e mascherina, l’indice di mortalità settimanale è calato esattamente come in Italia, noi a 1 e loro a 0,9. (Nel periodo di marzo dello scorso anno  l’indice era salito oltre 10 sia in Italia che in Svezia e non scende mai sotto 0)

Questo calo della mortalità non è neanche attribuibile al vaccino perché come si sa l’effetto non è immediato dopo la prima iniezione  e comunque la percentuale  della popolazione vaccinata è ancora molto bassa. La cosa clamorosa però è che se si fa un confronto con il paese che ha già vaccinato, iniziando a Dicembre, la maggioranza della popolazione, Israele, il loro indice di mortalità eccessiva è molto sopra la media e uno dei peggiori.

mortalità
 

Come si vede (dati settimanali aggiornati alla settimana scorsa)  l’indice di deviazione dalla media della mortalità è a 5 in Israele in Italia e Svezia a 1.

A questo proposito, se si guarda alla mortalità giornaliera “Covid” (non quella totale), Israele ha oggi più morti di inizio dicembre, quando è iniziata la vaccinazionehttps://www.bing.com/search?q=israel+covid+deaths&cvid=3d00f7bd72c44a619708546ab73398dc&pglt=43&FORM=ANSPA1&PC=U531. La stampa israeliana ha articoli (vedi Ynet, il giornale online più diffuso) che titolano del “fallimento” della strategia del governo di lockdown e vaccinazione. Non solo, nelle zone palestinesi dove c’è diffidenza verso il vaccino e pochi lo fanno al momento i dati di casi, ospedalizzazioni e decessi sono migliori, vedi Gilead Atzmon https://www.unz.com/gatzmon/israels-third-lockdown-a-spectacle-of-failure/).

In Francia la vaccinazione va molto a rilento, perché sembra che ad esempio nei sondaggi tra le donne in particolare quasi la metà non voglia farsi vaccinare e molti scienziati, medici e virologi non considerano sicuri i vaccini di tipo nuovo di BnTech Pfizer e Moderna che sono stati i primi ad arrivare. In Germania Reuters riportava ieri che la zona di Stoccarda, che è quella tecnologicamente e scientificamente più avanzata è il centro dell’opposizione alla vaccinazione e i leader della protesta sono spesso scienziati. In Inghilterra la critica alla strategia del lockdown e alla vaccinazione come soluzione è condotta da Mike Yeadon che era il capo scienziato e responsabile malattie respiratorie di Pfizer stessa. Se poi si prende la mortalità eccessiva settimanale dei dati EuroMomo citati, lo UK è un disastro con un dato di 10 contro 1 dell’Italia e della Svezia ( https://www.euromomo.eu/graphs-and-maps). La campagna di vaccinazione inglese è la seconda al mondo dopo quella di Israele al momento per percentuale della popolazione coperta, ma i dati di ospedalizzazioni e decessi, sia che si guardi quelli da “Covid” che quelli totali sono i peggiori in Europa

Ci fermiamo qui perchè le possibili spiegazioni di questi fatti non ci competono, ma i dati della mortalità in particolare smentiscono per ora l’idea che siamo in una emergenza (la mortalità è normale da un mese), che il lockdown sia servito (la Svezia o Stati USA che non hanno lockdown non hanno più decessi) e che i paesi che stanno vaccinando di più stiano ottenendo risultati migliori ( eclatante il caso di Israele).

Commenti
    Tags:
    covidcovid mortalitàcovid mortilockdownvaccinovaccino covid
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Covid, tranquilli finirà tutto Mi raccomando vacciniamoci…

    Costume

    Covid, tranquilli finirà tutto
    Mi raccomando vacciniamoci…

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."

    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo sceglie il Centro Stile come sede del nuovo headquarter

    Alfa Romeo sceglie il Centro Stile come sede del nuovo headquarter


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.