A- A+
Coronavirus
Immuni, Conte pensa all'obbligo. Dal Dpcm: Asl dovrà segnalerà positivi su app

Coronavirus, Conte vuole un'ulteriore stretta: "Immuni deve essere obbligatoria"

L'emergenza Coronavirus non dà tregua. Nonostante il nuovo Dpcm appena firmato da Conte, le misure restrittive sembrano non bastare. La decisione del premier è andata in direzione dei sindaci e dei presidenti delle Regioni - si legge sulla Stampa - con l'obiettivo di salvaguardare l'economia ed evitare ulteriori lockdown. Ma per chiudere il minimo indispensabile, sostiene il premier, "bisogna cambiare la strategia". E allora serve un potenziamento di tutte le armi che si hanno a disposizione. A partire da Immuni. La app per il tracciamento non sta funzionando come dovrebbe. Gli italiani sono restii a scaricarla e non tutte le Asl si sono dimostrate attrezzate su come utilizzarla davanti alle segnalazioni di casi positivi tramite codice anonimo. Due settimane fa c’è stata una campagna pubblicitaria che è servita a incrementare i download.

Ma non è bastato. Al punto - prosegue la Stampa -  che adesso il presidente del Consiglio, d’accordo con gli esperti, sta maturando la convinzione di renderla obbligatoria. Sabato è uscito allo scoperto il capo politico del M5S Vito Crimi: "Occorre potenziare l'utilità di Immuni, rendendola obbligatoria per l’accesso a determinati luoghi o servizi e verificando che tutto il sistema sanitario sia in grado di sfruttarne le potenzialità. Anche il Cts concorda e in un documento scrive: "C'è assoluta esigenza di tempestiva diagnosi, monitoraggio ed efficace tracciamento dei contatti". Ristoranti, locali e mezzi di trasporto sono luoghi dove secondo il premier è immaginabile applicare l’obbligatorietà della app. Il punto è capire come farlo, viste le complicate implicazioni sulla privacy e i risvolti costituzionali. Intanto nel Dpcm si rende obbligatoria la registrazione della notifica da parte delle Asl.

Intanto, una delle novità contenute all'interno del Dpcm, è l'obbligo per le Asl di segnalare i contagi sull'App Immuni. "Al fine di rendere più efficace il contact tracing attraverso l'utilizzo dell'App Immuni", viene disposto, "è fatto obbligo all'operatore sanitario del Dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale, accedendo al sistema centrale di Immuni, di caricare il codice chiave in presenza di un caso di positività".

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusemergenza coronaviruscoronavirus newscoronavirus italiagovernogiuseppe conteconte immuniconte immuni obbligatoriaapp immuni
    Loading...
    in evidenza
    Ecco l'evoluzione del Movimento Da 5 Stelle a... Mastella. Gallery

    Crisi di governo, ironia del web

    Ecco l'evoluzione del Movimento
    Da 5 Stelle a... Mastella. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta e Can Yaman fidanzati? La risposta dell'attore turco

    Diletta Leotta e Can Yaman fidanzati? La risposta dell'attore turco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Debutta la Jeep Renegade 80° Annversario

    Debutta la Jeep Renegade 80° Annversario


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.