A- A+
Coronavirus
Lockdown duro come a marzo, l'ipotesi c'è. Ecco da quando (scuole chiuse)
(fonte Lapresse)

L'appello di medici e infermieri è incessante: subito un lockdown totale in tutta Italia. D'altronda la curva epidemiologica non accenna a frenare: nelle ultime 24 ore si sono registrati 25.271 nuovi casi di Covid-19, con 356 morti e 147.725 tamponi. Il rapporto tra positivi e test è del 17,2%, in lieve aumento rispetto al 17,06 di domenica.

La politica si interroga sul da farsi con il continuo e costante dilemma di come conciliare la tutela della salute e la salvaguardia dell'economia già duramente colpita. Fonti del ministero della Salute, al momento, spiegano che un lockdown come quello di marzo "non è in agenda" e che "prima occorre valutare gli effetti delle misure prese", in particolare con l'ultimo Dcpm del presidente del Consiglio e con la suddivisione dell'Italia in fascia rossa, arancione e gialla.

Anche dal Pd tendono a escludere provvedimenti imminenti di chiusura generale del Paese, nella speranza che le restrizioni possano piegare la curva epidemiologica. Ma la maggioranza non è sorda ai drammatici appelli che arrivano da ospedali e scienziati e l'ipotesi del lockdown totale come quello della scorsa primavera "non è esclusa", spiegano altre fonti governative.

La road map dovrebbe essere quella di attendere fino a metà della prossima settimana per valutare se quella percentuale tra positivi e tamponi inizia a scendere. Se così non fosse, insieme al monitoraggio costante dei dati sulle vittime e sui ricoveri, in particolare in terapia intensiva, la prima misura sarebbe quella di far diventare l'intero Paese un'enorme zona rossa come sono oggi la Lombardia, il Piemonte, la Calabria, la Valle d'Aosta e l'Alto Adige.

Ma se tra una decina di giorni, intorno al 20 novembre, l'epidemia di coronavirus non iniziasse a dare cenni di diminuzione, si potrebbe passare alla misura drastica, ovvero un lockdown totale (come quello di marzo) per tutta Italia, che preveda anche la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado e un controllo molto più rigido delle forze dell'ordine rispetto a quanto non stia accadendo oggi nelle zone rosse.

Sul fronte delle Regioni, al momento, l'ipotesi di un confinamento duro non trova consensi. "Servono misure omogenee su aree territoriali più vaste e non un lockdown generale", taglia corto con Affaritaliani.it il presidente del Piemonte Alberto Cirio, protagonista nei giorni scorsi di una forte polemica con il governo dopo l'ultimo Dpcm.

Commenti
    Tags:
    lockdown italialockdown quandonuovo lockdownlockdown coronavirus
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.