A- A+
Coronavirus
Super Green Pass, il buco di colf e badanti che rischia di diventare voragine

Green pass, buco del governo per badanti e colf: nessuno controlla i certificati dei collaboratori domestici

Nella foga di estendere il “Super green pass” a chiunque, la bozza del decreto varato ieri dal Cdm ha un buco che rischia di trasformarsi in una voragine, se non viene subito chiuso prima di mandare il testo in Gazzetta ufficiale.
Si tratta dell’estensione dell’obbligo di detenere la carta verde ai collaboratori domestici, quindi a colf, badanti e baby sitter. Di fatto, queste categorie vengono equiparate dal provvedimento al lavoratore privato. In fabbrica, in bottega e in ufficio, però, c’è un datore che può verificare o delegare qualcuno ad accertare. In casa, invece, chi controlla?
 
Toccherebbe al familiare della persona assistita, certo. Ma la sorella, il figlio o il nipote non sempre vivono nella stessa abitazione di chi riceve cura. Peraltro, il decreto non specifica nulla su come un normale cittadino debba attrezzarsi per verificare l’autenticità del green pass del suo collaboratore domestico. Inoltre, il problema potrebbe pure essere considerato trascurabile a fronte di una colf vaccinata che, dunque, detiene una certificazione verde di lunga validità da controllare una sola volta. Invece, ad oggi, la maggior parte di queste figure professionali non ha la copertura vaccinale e dovrà quindi far ricorso a continui tamponi per lavorare, con esborsi che facilmente rischiano di far schizzare le tariffe alle stelle o di mandare in perdita l’attività.

Un dato eloquente, in tal senso, arriva dal trevigiano: secondo le cooperative di collocamento dell’area, almeno il 70% delle badanti non è munito di green pass e non intende affatto vaccinarsi. Dunque, le agenzie alle quali normalmente le famiglie si rivolgono per avere un supporto rischiano di non poter fornire personale.

Molte colf o baby sitter, peraltro, sono proprio impossibilitate a vaccinarsi in Italia, tante lavorano in nero oppure si sono sottoposte al ciclo di copertura nei Paesi di origine, spesso ricorrendo al preparato russo Sputnik che non è riconosciuto in Ue e non dà diritto alla certificazione verde.
Si tratta insomma di un problema potenzialmente esplosivo che deve essere proprio sfuggito al “governo dei migliori”. Urge dunque correzione immediata di rotta.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green passcolfbadanticovidcollaboratori domestici
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

    Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.