A- A+
Costume
"Carni rosse cancerogene". Inizia il processo: ecco tutte le accuse
La carne fa male alla salute? La carne rossa è cancerogena? Quante volte a settimana è consigliabile? Ecco tutte le risposte

A ottobre 2015 l'International Agency for Research on Cancer (IARC)  di Lione, un'agenzia dell'Organizzazione mondiale della Sanità che valuta e classifica le prove di cancerogenicità delle sostanze, ha definito la carne rossa come probabilmente cancerogena (classe 2A della classificazione dello IARC).

Sulla decisione assunta dalla IARC si è aperto un ampio dibattito tra gli esperti e nell'opinione pubblica, tuttora in corso, caratterizzato da conclusioni non definitive. Un consumo eccessivo di carni rosse aumenta il rischio di sviluppare alcuni tumori. L'aumento del rischio è però proporzionale alla quantità e frequenza dei consumi, per cui gli esperti ritengono che un consumo modesto di carne rossa (una o due volte a settimana al massimo) sia accettabile anche per l'apporto di nutrienti preziosi (soprattutto vitamina B12 e ferro).

Cogliendo lo spunto da questo dibattito, l'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Milano, da sempre convinto che la Prevenzione sia la miglior strategia per contrastare le malattie, ha organizzato un "Processo alle carni rosse", dove Accusa e Difesa, rappresentate da autorevoli esperti, si affronteranno sulla base delle evidenze scientifiche più aggiornate.

Processo alle carni rosse

(aperto al pubblico)

Martedì, 19 Aprile 2016

Ore 17.30-22.00

Sala MAC

Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi

P.zza Tito Lucrezio Caro 1 - Milano

 

 

Sotto accusa tutti coloro che, a vario titolo, fanno riferimento alla filiera: dall'allevatore fino al macellaio e al ristoratore, che dovranno rispondere del delitto di cui agli artt. 81, 110, 112 n.1, 444 e 452 cp, in quanto responsabili, in concorso fra loro, con più atti esecutivi di un unico disegno criminoso.

Sul banco degli imputati, accusato di 'spaccio' di carne rossa, nell'occasione, salirà lo Chef Matteo Scibilia, Ristoratore dell'"Osteria della buona condotta", che ha accettato di difendersi nel processo.

Il World Cancer Research Fund raccomanda non più di 300 grammi a settimana, mentre suggerisce di consumare almeno cinque porzioni di frutta e verdura per un totale di almeno 400 grammi al giorno. Lo IARC ha concluso che il consumo al di sotto dei 500 grammi alla settimana non costituisce un pericolo per la salute.

I Protagonisti del Dibattimento

  • Presidente del ‘Tribunale’: Dott. Fabio Roia
    Presidente di sezione Tribunale Penale di Milano
  • Consulente Tecnico d’Ufficio (CTU): Prof. Massimo Zuin
    Professore di Medicina Interna UNIMI
  • Pubblico Ministero: Dott.ssa Paola Pirotta
    Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano
  • Consulente Tecnico di Parte (CTP): Dott. Alberto Donzelli
    Direttore Area Educazione alla appropriatezza ed EBM ATS Milano
  • Difesa: Avv. Enrico Moscoloni
    Vice presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano
  • Consulente Tecnico di Parte (CTP): Prof. Antonio E. Pontiroli
    Professore di Medicina Interna UNIMI

 

PERSONE IMPUTATE: 

  1. Allevatore e/o produttore di mangimi per allevamenti  
  2. Macellatore e/o sezionatore industriale
  3. Lavoratore di carne rossa (produttore di salumi, insaccati, carne in scatola, ecc.)  
  4. venditore al dettaglio/macellaio/commerciante/distributore  di carne rossa
  5. ristoratore
  6. Promotore  del consumo della carne rossa

IMPUTAZIONE:

Del delitto di cui agli artt. 81, 110, 112 n.1, 444 e 452 cp, perché, in concorso fra loro, con più atti esecutivi di un unico disegno criminoso, ognuno nella rispettiva qualità sopraindicata e con il rispettivo apporto causale determinato dal proprio ruolo all’interno della “filiera” nel suo complesso, detenevano per il commercio, ponevano in commercio e/o comunque distribuivano per il consumo umano “carne rossa” di diversa origine (bovina, suina, ovina, caprina) destinata all’alimentazione, non contraffatta né adulterata, ma pericolosa  per la salute pubblica,

e in particolare per i seguenti  motivi, così come emerge da numerosi studi scientifici:

  • per l’aumento di malattie croniche non trasmissibili – nella specie malattie coronariche e ictus- di  diabete, e  di alcuni tumori – nella specie, tumori del colonretto, del pancreas e della prostata -  associate in modo proporzionale al consumo  eccessivo di “carne rossa” (fonti: IARC di Lione – ottobre 2015; -  Abete I et al. Association between total, … red and white meat consumption and mortality: a meta-analysis. Br J Nutr 2014; 112:762 –  Sinha R et al. Meat Intake and Mortality. A Prospective Study of Over Half a Million People. Arch Intern Med 2009; 169:562;    Pan A et al. Red Meat and Mortality. Arch Intern Med 2012; 172:555  ; -  Rohrmann S et al. Meat consumption and mortality - results from the EPIC. BMC Medicine 2013, 11:63;   -  Orlich M et al. Vegetarian dietary patterns and mortality. JAMA Intern Med 2013)
  • per l’aumento del peso e dell’obesità nel medio-lungo periodo associato ad un eccessivo  consumo di carne rossa (fonti: Hernandez-Alonso P et al. High dietary protein intake is associated with an increased body weight and total death risk. Clin Nutr 2016; 35:496-506;   -  Vergnaud A-C et al. Meat consumption and prospective weight change in participants of the EPIC-PANACEA study. Am J Clin Nutr 2010; 92:398-407; -   Mozaffarian D et al. Changes in Diet and Lifestyle and Long-Term Weight Gain in Women and Men. New Engl J Med 2011; 364:2392-2404; -   Vergnaud A-C et al. Macronutrient Composition of the Diet and Prospective Weight Change in Participants of the EPIC-PANACEA Study. PLOS One 2013; 8:e57300)
  • per l’aumento del fenomeno della “antibioticoresistenza” legato  all’abuso di antibiotici negli allevamenti intensivi di animali (fonte: Casey JA et al. High-density livestock operations, crop field application of manure, and risk of community-associated methicillin-resistant Staphylococcus aureus infection, Pennsylvania, USA. JAMA Intern Med. 2013; 173:1980-90 ; -   Zhu I-G et al. Diverse and abundant antibiotic resistance genes in Chinese swine farms. PNAS 2013; 110: 3435–40 ; -   WHO World Health Assembly May 2015  //  FAO Resolution on Antimicrobial Resistance 2015);
  • per l’aumento del  declino cognitivo umano in proporzione ad un eccessivo  consumo di carne rossa (fonte: Morris MC et al. MIND diet associated with reduced incidence of Alzheimer's disease. Alzheimers Dement. 2015;11:1007-14  //  Gu Y et al. Mediterranean diet and brain structure… Amer Acad Neurol. Neurology 2015)

Condotte che gli imputati ponevano in essere, in ogni caso, per colpa, consistita nel non informare il consumatore finale dei rischi determinati dal consumo eccessivo  di carne rossa, così come invero raccomandato dalle principali Organizzazioni internazionali (OMS, FAO)  nonché dal Ministero della Salute (parere n. 15 del 4 febbraio 2016).

Fatto aggravato dal numero delle persone superiore a cinque.

In Milano e in tutti il territorio nazionale, in permanenza attuale   

Il Pubblico Ministero  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carni rosse cancerogenecarni rosse fanno male
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.