A- A+
Costume
Congelare i morti, il business del futuro?

In tutto il mondo quasi trecento morti sono in attesa di tornare alla vita all'interno di scatole refrigerate. Dai primi pionieri miliardari degli Anni Sessanta ai cittadini di possibilità economiche più modeste che rifiutano a ogni costo l'idea della morte, hanno tutti la speranza che la scienza consentirà un giorno - tra 50 o mille anni - di annullare gli effetti della morte, considerandola solo una "malattia" reversibile.

Gli "ibernati" (da cryonics, ovvero crionica: la tecnica di ibernazione dei cadaveri) hanno pagato da 12.000 a 200.000 dollari per avere "la possibilità di evitare la morte", utilizzando uno dei tre attuali istituti  (Alcor, Kriorus e il Cryonics Institute) specializzati in tutto il mondo. E circa 1.500 persone hanno già prenotato il loro biglietto per unirsi a loro dopo la loro morte, come racconta il quotidiano LeMonde.

In questo piccolo mondo, il vocabolario riflette l'ottimismo di chi ci 'abita': quando uno muore si dice che è "de-animato", quando è immerso in azoto liquido a - 196 ° C è "conservato" e quando, sia per ragioni economiche che pratiche, viene congelata solo la testa si dice che è un "senza corpo".

Questo sogno, condiviso da un numero crescente di americani, ma anche da alcuni russi ed europei, è radicato nel lavoro di Robert Ettinger "La prospettiva dell'immortalità", la "bibbia" della crionica, pubblicato nel 1962.

La prima pietra della crionica viene posta nel 1967 con la "conservazione" di James Bedford, professore di psicologia che, dopo quattro cambiamenti di indirizzo, ora riposa nei locali della società Alcor, Arizona. Da allora, circa 270 persone hanno fatto la stessa scelta a cui va aggiunto un centinaio di animali domestici che accompagnano i loro proprietari nel viaggio attraverso il tempo. Ma in nessun cas è ancora stata tentata la rianimazione.

L'evoluzione storica del numero di "ibernati" mostra un aumento a partire dal 1990 per via di due fattori. Da un lato, lo sviluppo della tecnica di "vetrificazione", una svolta per il raffreddamento del corpo senza ricorrere al ghiaccio, che permette di limitare i danni. D'altra parte, lo sviluppo di polizze vita specificamente dedicate alla crionica, che danno "la possibilità di arrivare all'anno 3000 al costo di mille dollari l'anno", come spiega l'assicuratore Rudi Hoffman, pioniere e leader indiscusso della disciplina negli Stati Uniti.

Quella dell'ibernazione è comunque una scelta che fa da sempre discutere, per motivi etici, scientifici ed economici. Difficili dimenticare il periodo iniziale piuttosto buio, quando per mancanza di soldi i corpi venivano scongelati oppure restituiti alle loro famiglie.

Tags:
congelaremortiibernazione
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.