A- A+
Costume

Vacanza? Se tante famiglie non vedono l'ora, sono numerose quelle che, al contrario, temono che questo momento si trasformi in un incubo.  "È proprio in questo periodo che registriamo un acuirsi della conflittualità tra le coppie già separate, poiché, nella stragrande maggioranza dei casi, emergono ‘disaccordi’ organizzativi che portano al litigio - spiega l’avvocato Lorenzo Puglisi, Presidente dell’associazione Familylegal –. E a farne le spese sono inevitabilmente i figli".

Dai dati raccolti dall’associazione Familylegal, emerge che a non rispettare gli accordi sulle vacanze dei figli sono nella maggior parte dei casi le madri che, spesso, confondono il collocamento privilegiato di cui godono nella maggior parte dei casi con l’affidamento esclusivo (che è cosa ben diversa), mentre l’80% dei padri separati accetta di buon grado di poter tenere con sé i figli per 15 giorni, generalmente compresi tra luglio e agosto: "Purtroppo chi commette l’abuso, che sia il padre o la madre, spesso la fa franca: in estate i Tribunali lavorano a ritmi ridotti per via della sospensione feriale delle attività ordinarie per questo non è sempre agevole  ottenere udienza a pochi giorni dal deposito di un ricorso e se i problemi emergono in agosto la difficoltà è anche quella di reperire un legale che agisca prontamente".

 

FAMIGLIA: TESTO SU FIGLI NATURALI AL PROSSIMO CDM - Il ddl che equipara completamente i figli naturali a quelli legittimi "sara' portato al prossimo Consiglio dei ministri". A confermarlo e' il Guardasigilli Annamaria Cancellieri, durante un'intervista a 24mattino su
Radio 24. 

Stessi diritti per chi nasce fuori dal matrimonio o viene adottato

Ogni anno l’associazione raccoglie circa una cinquantina di segnalazioni fra luglio e agosto: "Le denunce più comuni colpiscono chi parte portando con sé il figlio senza comunicare all’ex la meta e non rispondendo poi alle telefonate, chi non rispetta 'i turni' concordarti, oppure chi sostiene che il figlio è ammalato e non lo lascia partire".

Gli accordi fra ex coniugi sui periodi di vacanza da trascorrere con i figli, che nella maggior parte dei casi devono essere formalizzati entro il mese di maggio, possono regolamentare anche eventuali ferie con i nonni. Chi non rispetta i patti, impedendo all’ex coniuge di portare il figlio in vacanza con sé eludendo di fatto quanto stabilito dal giudice, non solo commette un illecito civile, ma anche un reato come ha precisato più volte anche la Corte di Cassazione. "La scelta di presentare una denuncia, tuttavia, non deve essere presa con superficialità e andrebbe limitata ai soli casi che rivestono una certa gravità -  precisa Puglisi -. Spesso i figli vengono strumentalizzati e utilizzati come arma di ricatto e questo fenomeno si acuisce soprattutto nel periodo estivo, in cui  tutto è reso più facile dall’assenza di impegni scolastici".

Per tentare di ridurre al minimo questo genere di conflitti, la legge 54 del 2006 ha introdotto l'affido condiviso, che stabilisce che i genitori sono ugualmente responsabili della cura e dell’educazione della prole. "Senza arrivare ai casi più clamorosi, anche quando l’accordo sui periodi di ferie viene rispettato, si litiga su altre questioni: ad esempio sull’iscrizione o meno dei figli ai centri estivi – aggiunge ancora Puglisi - Va detto, infatti, che in regime di affidamento condiviso, tali decisioni spettano ad entrambi ed è sufficiente il no di un genitore per bloccare l’iscrizione o per addossarne interamente i costi sull’altro".

Tags:
estateguerrafiglivacanzeseparati
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.