A- A+
Costume

Trecentonovantaquattro abitazioni per i dipendenti del social network più diffuso. Perché piccola cittadina di Menlo Park (fino al 2011 sede degli stabilimenti della Sun Microsystems, occupati poi dal 2011 da Facebook) non basta più. Un intero villaggio che sta costruendo Mark Zuckerberg. Un progetto da 120 milioni di dollari per risolvere le difficoltà dei suoi dipendenti a trovare un alloggio nei pressi del campus che sorge a Palo Alto. L’idea sarebbe quella di unire casa e posto di lavoro dei lavoratori  sul modello dei vecchi villaggi-fabbrica dei primi del novecento.

Ma sono scoppiate anche le polemiche: c'è chi lo vede come un modo per  far passare più tempo in ufficio ai dipendenti. Naturalmente da Facebook negano ed effettivamente anche a pieno regime l’intero complesso arriverebbe ad ospitare non più del 10% di tutto il personale del social network.

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
facebook cityvillaggio
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.