A- A+
Costume
Non udenti, il silenzio è d’oro (nero) nel progetto dei nuovi caffè pop-up

Il silenzio è d’oro (nero) nel caso dell’iniziativa di eventi Pop-Up dedicati ai ‘Caffè Silenziosi’ (in tedesco, Cafè Ohne  Worte), caffetterie dove tutto è finalizzato ad assumere, formare e prendersi cura della clientela rappresentata da non udenti o da coloro che presentano problemi di udito.

Si potrà ordinare ciò che più si preferisce grazie al linguaggio dei segni, offrendo a coloro che hanno problemi di udito, da un lato la possibilità di trovare occupazione nel settore della ristorazione, e dall’altro l’opportunità di condividere momenti con la comunità dei non udenti, in un luogo dove ritrovarsi per mangiare, e soprattutto poter essere facilmente compresi. Sarà, inoltre, l’occasione per i normo udenti di calarsi nella realtà di coloro che vivono questa disabilità e apprezzare come talvolta potrebbe essere (migliore) un mondo più silenzioso.

L’iniziativa è stata sostenuta dai Caffè che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare gli eventi Pop-Up, ed è frutto dell’idea di studenti dell’Università di Colonia, Germania. I ragazzi sono stati ispirati dall’aver assistito in prima persona alle difficoltà incontrate dai clienti non udenti, o in generale con problemi di udito, alle prese con le ordinazioni. A tal proposito, si prevede che entro il 2025 circa 90 milioni di persone, in Europa, soffriranno di un qualche tipo di disabilità uditiva*.

“L’essere non udente può davvero tagliarti fuori dalla società, anche quando si tratta di fare qualcosa di apparentemente semplice, come ordinare un caffè o lavorare come cameriere o cameriera”, ha raccontato Frederike Höfermann, diciannovenne studente di economia, Project Manager del Café Ohne Worte. “L’idea dei Caffè Pop-Up ha riscosso molto interesse, tanto che stiamo cercando di estenderlo ad altre località in Germania, per poi esportare il concept in tutta Europa”.

L’iniziativa dei Cafè Ohne  Worte è tra quelle che maggiormente si sono distinte al Ford College Community Challenge 2017, un programma educativo condotto dal Ford Motor Company Fund, che mette a disposizione sovvenzioni per progetti studenteschi focalizzati sulla costruzione di comunità sostenibili per il prossimo futuro.

Dal lancio dello scorso anno, sono stati circa 1.000 i clienti che hanno cenato nei 7 eventi Caffè Pop-Up dedicati, che si sono svolti in 4 diversi locali, e che hanno visto all’opera almeno 5 persone di staff ogni volta.

“Si tratta di un progetto molto stimolante in cui essere coinvolti, sia per vedere le reazioni  sorprese positivamente di coloro che presentano problemi di udito, sia per apprezzare l’entusiasmo e il grande impegno degli studenti che si sono occupati di questo ambizioso progetto”, ha commentato Debbie Chennells, Manager Ford Fund, Ford Europa.

Cafè Ohne Worte
 
Tags:
non udenti caffècaffè non udenti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...

Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.