A- A+
Costume
Playboy, addio conigliette: eliminate le donne nude

Nell'era del web scompaiono le conigliette di Playboy, che per oltre 60 anni (dal 1953, quando Hugh Hefner fondo' la rivista) hanno acceso l'immaginazione degli uomini e trainato una rivista che sfidava il bigottismo della destra da un lato e il femminismo dall'altro ma che faceva capolino nei posti piu' impensati, dal bagagliaio dell'auto familiare ai circoli intellettuali. Playboy non pubblichera' piu' nudi, riferisce il New York Times riportando le affermazioni dell'amministratore delegato della rivista, Scott Flanders, e con la scelta editoriale e' d'accordo lo stesso Hefner.

"Oggi con un click puoi trovare tutto il sesso che vuoi", spiega Flanders, sottolineando che internet ha trasformato l'accesso al mondo del sesso. E' cosi' che il magazine che esordi' con Marilyn Monroe in copertina ha visto un crollo delle vendite dalle 5,6 milioni di copie del 1975 alle 800.000 di adesso, fino a mutare perfino la ragion d'essere: le conigliette, appunto, destinate a lasciare il posto al semplice nero su bianco di un articolo.

Tags:
playboyconigliettedonne nude
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.