A- A+
Costume
Pretty Woman, Julia Roberts svela la verità sul film cult

Ventinque anni fa (correva il marzo del 1990) uscì nei cinema americani "Pretty Woman". Le aspettative erano grandi, ma forse nessuno immaginava che sarebbe diventato un cult nei "movie sentimentale" per milioni di fans in tutto il mondo. Invece l'incontro tra la prostituta Vivian e l'uomo d'affari Edward è entrato nella storia. Basti pensare che il box office segnò l'incasso stratosferico da 460 milioni di dollari. In occasione delle 'nozze d'argento' di questo film, Julia Roberts (che vinse la volata per il ruolo su Valeria Golino dopo i rifiuti di Sandra Bullock, Sarah Jessica Parker e Kristin Davis), Richard Gere (per il ruolo inizialmente si pensava di puntare su Christopher Reeve, Denzel Washington o Daniel Day-Lewis), Hector Elizondo, Laura San Giacomo e il regista Garry Marshall (che fece pure un cameo nel film interpretando un clochard a cui Gere chiese indcazioni stradali) sono incontrati sul set di "Today" della NBC.

Tra l'altro, Richard Gere, Julia Roberts ed Hector Elizondo tornarono sul set insieme nove anni dopo "Pretty Woman" nel film "Se scappi, ti sposo".

Qualche altra curiosità legata al film: il corpo nella locandina del film non è di Julia Roberts come tutti  pensano, ma della modella Shelley Michelle. La testa dell'attrice fu aggiunta con un fotomontaggio. Il titolo originale non avrebbe dovuto essere Pretty Woman, ma 3000. Ovvero il costo dei servizi della prostituta interpretata da Julia Roberts.

IL FINALE - E avrebbe dovuto trattarsi non di commedia romantica, ma dai toni più drammatici. Nessun lieto fina era previsto, almeno all'inizio. Il film avrebbe dovuto concludersi con Richard Gere che fa scendere Julia Roberts dall'auto forzatamente, le lancia dei soldi e la lascia per sempre.

E ancora: il cappotto rosso indosssato da Vivian fu acquistato da un usciere poco prima dell'inizio delle riprese della scena per 30 dollari.

Tags:
pretty woman25 annirichard gerejulia roberts
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.