A- A+
Costume
Dire "buon padre di famiglia" è sessista

Il parlamento francese ha deciso di togliere dal Codice Civile l'espressione "buon padre di famiglia" perché ritenuta "sessista" e "obsoleta". E' stato votato un emendamento nell'ambito del progetto di legge sulle pari opportunità tra uomo e donna, come ha spiegato la ministra socialista delle Pari opportunità, Najat Vallaud-Belkacem. "Si tratta di riscrivere una definizione che è presente nel Codice civile dal 1804 e risale al diritto latino. È necessario attualizzare il diritto per renderlo conforme alla realtà e comprensibile. La grande maggioranza della popolazione, ai giorni nostri, ha voltato pagina in merito alla struttura patriarcale della famiglia e non capisce più il senso di questo riferimento".

polemica inutile per l'opposizione, che rilancia: perché allora non avviare un dibattito sulla parola 'patria', "un termine femminile che fa riferimento e rimanda all'immagine del padre, quando si parla per esempio di 'madrepatria'", o ancora sul termine 'scuola materna'? "Che la sinistra voglia sopprimere quest'espressione, vista la sua gestione e visione del mondo, è abbastanza logico - ha affermato il deputato di centro-destra (Ump), Hervé Mariton -. Siamo in pieno totalitarismo linguistico".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sessismofrancia
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.