A- A+
Costume
Le coppie 'cornute' sono più felici. "Si tradisce perché c'è simbiosi"

Tradire o essere traditi? Non importa. Perché tanto l'adulterio, sempre più diffuso nella nostra società, non mina la solidità di una coppia. La monogamia non è uno dei valori principali su cui si fondano le relazioni amorose di oggi. I numeri lo dimostrano. Secondo una ricerca presentata da Helen Fisher, ricercatrice della Rutgers University di New York e autrice del libro "Why We Love, why we cheat", il 56% degli uomini sposati e il 34% delle donne sposate dichiara di essere felice nella propria relazione nonostante il tradimento del partner.

I "cornuti" avrebbero potuto divorziare, ma non lo hanno fatto. Perchè il tradimento non è considerato segno di una relazione che non funziona più, ma, al contrario, sarebbe segno di un rapporto troppo simbiotico, quindi praticamente perfetto. Questa è l'ipotesi di Esther Perel, psicoterapeuta belga-americana in "L’Intelligence érotique: faire vivre le désir dans le couple (Éd. Robert Laffont)". Nel suo lavoro vede tante coppie che si amano, ma che contemporaneamente intrattengono  relazioni extraconiugali.

Secondo l'esperta l'idea di relazione perfetta oggi è quella in cui c'è una fusione totale con il partner, che diventa il proprio migliore amico a cui si pensa di dover raccontare tutto. E la tecnologia, che ci rende rintracciabili minuto per minuto, non fa che aumentare questa trasparenza totale. Il traditore, allora, è una persona tendenzialmente monogama e felice in coppia, che però un giorno sente l'esigenza di rompere la simbiosi totale che si è creata con il partner.

Helen Fischer stima che dal 20 al 40% delle coppie americane manterrà almeno una relazione extraconiugale durante la propria vita. Per queste persone il tradimento, se scoperto, può diventare occasione per aumentare la sincerità e l'affiatamento tra i coniugi. La relazione extraconiugale non viene vista come desiderio di abbandonare il partner, ma come segnale che qualcosa nella relazione va sistemato.

TRADIMENTO DIVERSO PER UOMINI E DONNE - Il tradimento ha un valore diverso se riguarda un uomo o una donna. O, meglio: i maschi considerano l’infedeltà sessuale più angosciante dell’infedeltà emotiva, mentre per l’universo femminile è esattamente il contrario. A rivelarlo è una ricerca realizzata dagli studiosi della Kansas State University e pubblicata sul sito Evolutionary Psychology. I ricercatori americani hanno selezionato 477 adulti, 238 uomini e 239 donne, sottoponendoli ad un questionario riguardante una varietà di argomenti, tra i quali le relazioni sentimentali e i tradimenti. Ad una domanda sull’ipotetico rapporto sessuale tra il proprio partner e un’altra persona o sull’attaccamento emotivo profondo tra loro, i partecipanti di genere maschile hanno fornito – questo è emerso dallo studio – una risposta diversa dalle intervistate di sesso femminile. Gli uomini hanno infatti detto di ritenere l’infedeltà sessuale più angosciante di quella emotiva. Le donne il contrario.

TRADISCO E NON ME NE PENTO - Secondo l'Istituto di ricerca IFOP, 2 italiani su 3 non provano alcun rimorso per le proprie scappatelle extraconiugali*. Lo studio, commissionato dal sito di incontri extraconiugali Gleeden.com e condotto a livello europeo su un campione di 4.879 persone di varie nazioni, si è interrogato sulla percezione e sui comportamenti degli Europei in materia di avventure extraconiugali. Alla domanda: "Si pente del suo tradimento?" , gli italiani, uomini e donne, si rivelano tra i meno toccati dal senso di colpa. Difatti, gli uomini nostrani sono i più convinti della propria infedeltà!

Massimo Recalcati: "Perdonate il tradimento". Intervista allo psicanalista

Il 74% degli uomini italiani risponde "NO" alla domanda dell'istituto di ricerca IFOP "Si pente del suo tradimento?", non mostrando né rimpianti né rimorsi per le proprie scelte in materia di relazioni di coppia e infedeltà. Quella degli uomini del Bel Paese è la percentuale più alta in Europa rispetto ai francesi, belgi, spagnoli, tedeschi e britannici.
 
Gli italiani sono seguiti in questa speciale classifica del "non-pentimento" della propria infedeltà dai tedeschi (72% di risposte negative), francesi (68%), belgi (66%), spagnoli (59%) e britannici (51%). I sudditi di Sua Maestà si rivelano i più "pentiti" delle proprie scappatelle extraconiugali. Ancora secondo lo studio IFOP, più di 1 italiano su 2 ammette di aver tradito (55% di risposte positive alla domanda "Nel corso della sua vita le è capitato di aver tradito, cioè di aver avuto un rapporto sessuale con una persona che non fosse il suo partner?") e il 63% degli intervistati pensa che si possa amare una persona pur essendole infedele: siamo dunque arrivati ad una nuova concezione della coppia, dell'amore e della fedeltà? Il "ti sarò fedele sempre" riguarda la sfera dell'amore che si dissocia dalla sfera sessuale? A ben guardare questi risultati sembrerebbe proprio di si!

Sicuramente colpiscono in questo studio le risposte femminili alla domanda a proposito del pentimento sulla propria infedeltà e ancora di più colpisce la percentuale di donne italiane che non prova nessun senso di colpa a tal proposito. Infatti, solo il 27% delle italiane è pentita del proprio tradimento. In questa speciale classifica europea, le italiane sono precedute soltanto dalle francesi e dalle belghe: ben il 79% delle cugine d'Oltralpe risponde "No" alla domanda "Si pente del suo tradimento?" contro il 76% delle signore del Belgio.

Seguono in questa classifica su pentimento e infedeltà stilata dall'istituto di ricerca IFOP: le tedesche (72% di risposte negative), le spagnole (71%) e infine le britanniche (49%) divise a metà sul senso di colpa per il tradimento. L'IFOP mostra come le donne europee soffrano di meno rispetto agli uomini di dinamiche di senso di colpa legato ad una infedeltà. Se la media maschile europea di coloro che rispondono "no" alla domanda sul pentimento è del 65%, quella femminile è del 70%. Che almeno nella libertà di spirito e di coppia le donne abbiano non solo conquistato la parità ma addirittura superato gli uomini? Sicuramente lo studio IFOP/Gleeden dimostra quanto la realtà su "donne e tradimento" abbia superato lo stereotipo ancora promosso dalla società su questo tema.

*Sondaggio IFOP per Gleeden.com, primo sito di incontri extraconiugali in Italia, condotto su un campione di 4.879 persone, rappresentanti la popolazione italiana, francese, tedesca, britannica, belga e spagnola.

IL PERDONO IN AMORE - "ll perdono nella vita amorosa è un modo per ridare vita a qualcosa che il trauma del tradimento e dell'abbandono ha reso morto. Non a caso la cultura cristiana e anche Francesco I fanno del perdono la virtù più grande e specifica di Dio e dell'amore". Mentre in Europa si parla di poliamore (relazioni multiple accettate da un accordo di coppia) e la coppia aperta sembra diventare l'unica risposta possibile alla società frenetica in cui tutto, anche i rapporti, si disfano di continuo, lo psicoanalista Massimo Recalcati pubblica un elogio all'amore dal titolo Non è più come prima. Elogio del perdono nella vita amorosa (Raffaello Cortina editore, 160 pagine, 13 euro). E in un'intervista ad Affaritaliani.it spiega perché credere nella passione per sempre.

Le argomentazioni di Recalcati ci permettono di ricollegarci a quanto dichiarato dalla diva Cameron Diaz che, in occasione dell'uscita del suo nuovo film, The Other Woman di Nick Cassavetes ( una commedia romantica su due donne che si alleano per vendicarsi di loro partner), ha parlato della sua idea della coppia e, soprattutto, di fedeltà: per l'attrice, infatti, "nessuno è fedele".

La 41enne ex fidanzata di ex fidanzata di Justin Timberlake e Jared Leto,  nel film è l’amante di un uomo infedele, sposato con Leslie Mann e che ha anche un'altra amante: Kate Upton. "Siamo esseri umani, siamo complessi, non possiamo vivere senza graffi, è impossibile. I tradimenti possono accadere, bisogna esserne consapevoli e andare avanti", ha spiegato la bionda attrice.

DEMI MOORE E MILA KUNIS - Demi Moore ha pensato bene di avvisare la Kunis sulle "brutte abitudini" del futuro marito: Ashton Kutcher. La 51enne attrice ha sposato l'ex modello nel 2005, ma i due hanno poi divorziato a causa dell'infedeltà di lui. In seguito il 36enne si è fidanzato con Mila; e ora, si dice, i due potrebbero anche sposarsi. Demi Moore avrebbe dunque pensato bene di avvertire Mila Kunis sulle "brutte abitudini" del suo futuro marito. "Le ha detto di essere prudente ogni volta che Ashton passa una notte fuori casa", ha infatti rivelato un'amicizia comune al magazine Now.

 

TUTTI I TRADIMENTI FAMOSI....

 

hollande gayet 500

Guarda la gallery - Hollande e l'attrice Julie Gayet

berlusconi pascale 500 (2)

Guarda la gallery - Berlusconi e la fidanzata Francesca Pascale

mentana michela 500 (1)

Guarda la gallery - Enrico Mentana e Michela Rocco di Torrepadula

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cameron diaz
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.