A- A+
Costume
Uomini sottomessi, donne dominanti. In Italia avanza la "ginarchia"
In una società in cui la violenza dell'uomo sulla donna, del maschio sulla femmina, è sempre più evidente (come testimoniano i circa 150 femminicidi compiuti in media ogni anno in Italia), nell'immaginario collettivo si è stabilita una sorta di equazione psicologica. Maschile uguale aggressività e dominanza, femminile uguale passività e sottomissione. Anche il successo mondiale di un romanzo come "Cinquanta sfumature di grigio" contribuisce al consolidamento di questa rappresentazione stereotipata.
 
Ma le cose stanno veramente così? Con un'indagine empirica basata sulla desk analysis di siti tematici dedicati al Bdsm (www.legami.org e www.gabbia.com), e con interviste personali a donne dominanti (Mistress), Alessandro Amadori, psicologo e ricercatore di mercato, ma anche esperto di nuove tendenze e di scienze criminologiche, dimostra che la realtà non è così semplice. I dati raccolti indicano infatti che i maschi sono contemporaneamente la maggioranza dei dominanti e la maggioranza dei sottomessi.
 
In particolare, i numeri del sito di incontri e inserzioni "La Gabbia" mostrano che, nel mondo Bdsm (di cui fanno parte circa 4 milioni di italiani adulti), la componente maschile pesa per l'89% (3.600.000 individui), nei due ruoli, quella femminile (sempre nei due ruoli) solo per  l'11% (400.000 individui). Per ogni Mistress (femmina dominante) ci sono dunque 5 slave (maschi sottomessi), mentre per ogni schiava (femmina sottomessa) ci sono 17 Master (maschi dominanti). La regola generale pare proprio essere questa: la domanda di sottomissione è più maschile che femminile (sul totale generale delle inserzioni, i sottomessi maschi sono infatti il 41%, contro appena il 3% di sottomesse). E, fra le donne, le Dominanti sono quasi il triplo delle sottomesse (8% contro 3%).
 
 
 
Uomini dominanti e donne sottomesse internaInserzioni su “La Gabbia” per genere e ruolo. Percentuali rispetto al totale generale
 
 
 
Pertanto, "l'idea che solo i maschi siano portatori di tendenze dominatorie non è empiricamente corretta - spiega Amadori ad Affaritaliani.it -. Invece, è certamente vero che i maschi hanno un rapporto più complesso, più conflittuale, più ambivalente in generale con l'aggressività, e in particolare con la componente erotico-sessuale dell'aggressività". 
 
Non solo. Esiste una corrente di pensiero femminista radicale, chiamata "Ginarchia", la quale fa della superiorità femminile sul maschio, e del conseguente diritto delle donne a reificare (rendere oggetto) il maschio stesso, nonché a porlo sotto il totale controllo femminile (il tutto nella prospettiva di arrivare a instaurare un utopico governo mondiale delle donne), una sorta di nuova ideologia sociopolitica. Molto di nicchia, ma con un certo numero di seguaci anche in Italia.
 
ginarchiaSu Facebook il gruppo "Ginarchia, il futuro è donna"
conta oltre 20mila membri

 
Il fenomeno, affascinante e inquietante, della ginarchia è molto diffuso negli Stati Uniti, ma avanza anche in Italia, come rileva ancora Amadori: sorprendentemente, o forse no, la maggioranza dei seguaci, che sono circa 25.000, sono maschi e non femmine. Ovvero: uomini sottomessi, donne dominanti. Per volontà degli stessi uomini.

"L'uomo vive psicologicamente e culturalmente una sorta di schizofrenia: è estramemante violento, ma anche è estremamente sottomesso - spiega ancora Amadori -. Se le donne nel tempo si sono sapute ridefinire e reinventare attraverso il femminismo, di cui la ginarchia è una forma estrema, l'uomo non ha avuto questo tipo di evoluzione. E' rimasto questo rapporto primitivo tra il maschile e l'aggressività: ci si sente o carnefice o vittima, senza riuscire a trovare un punto di equlibrio. Così si arriva a un paradosso: da un lato vengono compiuti gesti orribili, quasi medievali, come le aggressioni a base di acido, mentre dall'altro c'è una popolazione molto ampia di uomini, oltre 3 milioni, che hanno un rapporto di sottomissione verso il femminile. Insomma, non capendo e non accettando la forza delle donne, o le distruggono o ne diventano succubi". 

Da qui nasce lo spunto per nuovi movimenti femminili radicalissimi: "L'idea base della ginarchia è che il maschio sia un killer biologico, un'entità progettata per distruggere. Quindi, per salvare il pianeta, bisogna ridurlo all'impotenza e dare il potere alle donne. L'uomo, avvertendo questa rivoluzione che si prepara sotto traccia, ha paura: sta avvertendo per la prima volta nella storia che il potere rischia di passare alle donne".

 
 
 
 
Tags:
uomini sottomessiginarchiasesso donne dominantialessandro amadoribsdmsesso bsdm
Loading...
in vetrina
GEORGINA RODRIGUEZ, costume leopardato. Lady Ronaldo esplosiva. LE FOTO

GEORGINA RODRIGUEZ, costume leopardato. Lady Ronaldo esplosiva. LE FOTO

i più visti
in evidenza
Lucia Azzolina, un po' di relax Ministra paparazzata in bikini

LE FOTO AL MARE

Lucia Azzolina, un po' di relax
Ministra paparazzata in bikini


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot Italia: anticipa da subito l’incentivo, per tutti e senza vincoli

Peugeot Italia: anticipa da subito l’incentivo, per tutti e senza vincoli


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.