A- A+
Home
Covid-19: così i "furbetti dello scalo" portano in Italia le varianti indiane

Mesi di lockdown, restrizioni di ogni tipo, zone colorate prima di rosso, poi arancione, poi giallo. Ma anche arancione rafforzato, giallo rafforzato, rosso ma non troppo. Il blu è cupo e non è en pendant con il Paese, quindi via. Manca il bianco sporco e il pantone colori delle regioni potrebbe avere anche un suo fascino commerciale.

I cittadini stufi di stare in casa, in astinenza da aperitivi, baccanali del venerdì e sabato sera, della socialità, dei viaggi in Europa per il weed end. Di quelli fuori Europa, che fanno tanto esotico e figo. Turismo in uscita: siamo un paese che viaggia. Ma anche turismo in entrata, come in entrata ci sono molti cittadini stranieri che qui vengono a lavorare.

Dunque, in un momento dove il Covid è padrone di tutto, gli aeroporti, da luoghi magici e romantici, diventano trincee, frangiflutti, zone pericolose. E la politica è costretta a rendersene conto e a prendere decisioni.

Fino al 15 maggio prossimo, ad esempio, è vietato l’ingresso in Italia a chi abbia soggiornato o transitato in Brasile, India, Bangladesh, Sri Lanka, nei 14 giorni precedenti. Una misura di sicurezza importante, in linea con i sacrifici fatti finora e che non possono essere messi a repentaglio. Ovviamente da questi paesi ci si arriva in aereo e le cose si possono complicare.

Non tanto per quelli che sono i voli diretti: se arrivi da New Delhi devi sapere che sarai fermato, ti sarà fatto un tampone e sarai inviato in un Covid hotel per la tua bella quarantena. Ma c'è chi, pur di entrare in Italia, adotta come soluzione ciò che le falle nel sistema gli consentono: i voli indiretti. Una volta si faceva scalo in più paesi per abbassare il costo di un volo intercontinentale: qualche ora in più in aereo, ma qualche centinaio di euro risparmiati.

Da qualche tempo invece il volo indiretto viene usato per passare indenni dai controlli. È successo in passato. Oggi forse, qualche controllo in più viene eseguito, comunque qualche furbo passa.

Commenti
    Tags:
    covidcoronavirusaeroporticontrolligreen pass
    in evidenza
    Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

    GF VIP 2021

    Jo Squillo in burqa per le donne
    La protesta scade nel ridicolo

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.