A- A+
Cronache

Buongiorno Direttore,

disgustata da alcune recenti notizie, e, con la scusa di una brutta bronchite, mi sono estraniata dalla carta stampata e dai telegiornali per qualche giorno, poi, con poca voglia ma impossibilitata a continuare questa astinenza mediatica, accendo la tv e mi si propina un servizio sul fuggitivo Corona.

- Cerco di capire di piu’, mi documento: internet e le Tv fanno il resto, ma continuo a non credere, mi dico:” Non e’ possibile, sto sognando, Non ci credo, non e’ vero!! Fabrizio Corona condannato a 5 anni, forse anche 7 di carcere, da scontare, EFFETTIVI, REALI, ESECUTIVI, INFLITTI NERO SU BIANCO… Poi successivamente lo vedo, una parte dello schermo oscurata a nascondere le manette che, evidentemente, gli hanno messo nel riacciuffarlo in Portogallo.

Sento il suddetto ex paparazzo parlare di diritti umani ed a un tratto quell’uomo che detestavo, che neppure lontanamente consideravo il belloccio, sex simbol, tombeur de femmes che traspariva dai rotocalchi piu’ o meno nazional-popolari, mi diventa simpatico, riesco anche a vederne una bellezza che finora non mi si palesava J Mi sento offesa, mi sento derubata, in primis della mia dignita’ di Mamma Vittima, poi di Cittadina, poi di Italiana, onesta, lavoratrice, che ha sempre pagato fino all’ultimo centesimo le tasse, che ha contribuito con il suo stipendio all’andamento di questo Stato in cui piu’ non riesce a riconoscersi, per ben 31 anni di onesto lavoro fino a quando la propria vita e’ stata catapultata in una realta’ che altri hanno scelto per lei.

- Qui c'e' una anomalia, un'anomalia enorme il cui palesarsi diventa insopportabile per me, per noi noi Vittime di reati contro la persona.-L'anomalia non sta nel fatto che a Corona siano stati inflitti 5 anni di pena piu' un dispendio enorme di energie e risorse nell'emissione di una mandato internazionale di cattura, l'anomalia sta nel fatto che la Vita umana valga meno di quattro fotografie del su citato.

- Mi spiego meglio;Due anni fa mio figlio e' stato ammazzato sulle strisce pedonali e mentre attraversava un incrocio con semaforo verde da chi procedeva in un centro urbano come in un circuito di formula uno. L'omicida di Andrea oltre a cio', aveva commesso una serie di gravissime infrazioni del codice della strada (sorpasso azzardato in prossimita' di un incrocio, semaforo rosso, velocita’ elevata e sorpasso in presenza di linea continua... il tutto completamente lucido e consapevole e con nessun'altra giustificazione che non la fretta di recarsi con la propria famiglia in pizzeria (alle 18.30 circa) naturalmente con moglie e figli bordo.- Si’ egregio Direttore, ha capito bene, aveva fretta di andare in pizzeria non al pronto soccorso !!!

Ebbene dopo due anni di processi siamo arrivati in primo grado ad una condanna di 3 anni e otto mesi ,.Condanna prontamente appellata dalla difesa poiche' ritenuta incongrua.. in pratica 3 anni e otto mesi sono troppi per la vita di un ragazzo che null'altra colpa aveva se non di rientrare a casa con suo fratello gemello.. Ebbene, questo e' quanto.

- A Lei, a Voi il giudizio su una giustiizia (e lo scrivo appositamente con la g minuscola) che considera gli sporchi luridi soldi piu' importanti della vita umana ed i reati contro il patrimonio piu' gravi e, di conseguenza piu’ puniti rispetto ai reati contro la persona— Ah dimenticavo di dirle che 3 anni e otto mesi sono stati un successo e la sentenza e' stata giudicata severa poiche' l'impunita' totale e le condanne a due anni sospese con la condizionale sono la norma in casi come il mio...

La legge non punisce gli assassini di strada, la legge non considera prioritaria la tutela della vita umana, la legge non offre una reale deterrenza attraverso punizioni giuste e severe... Mi piacerebbe molto che questo mio scritto potesse essere letto in primis dal Corona stesso (sempre che possa avere accesso alle notizie perche’ magari nel frattempo lo avranno messo in isolamento J ) e poi dal Dr. Feltridel quale, a questo proposito, ho letto stamane un articolo con il quale concordo in ogni virgola.

-Anche lui a me poco simpatico fino a qualche tempo fa… Ma si sa, caro Direttore, solo gli stolti non cambiano idea… Ed io, che sono sempre stata una donna con un senso forte della patria ed orgogliosa della propria Italianita’, mi ritrovo a pensare seriamente a come trasportare quel che resta del corpo di mio figlio (perche’ mai sopporterei di star lontana dalle sue spoglie mortali) e trasferirmi con la mia famiglia Via da questa Italia che troppo mi ha ferita e che continua a farlo, mi ritrovo a considerare simpatico ed anche tenero, sotto certi aspetti, un Corona che da sempre mi dava un senso di antipatia e ad apprezzare un Feltri che finora mi pareva arrogante e che mi si rivela ora saggio e pertinente.

Forse, se decidessi di fuggire dall’Italia per la stessa non sarebbe una grande perdita concordo, ma questa nostra Nazione avra’ perso l’occasione di annoverare tra i propri cittadini una donna onesta, con dei sani principi, che ha anche fatto molti anni di volontariato presso gli ospedali, che ha sempre rispettato tutto e tutti e che non ha mai evaso le tasse neppure di un singolo centesimo… Direttore, mi stanno prendendo in giro e neppure se ne rendono conto !!!

Con stima e rispetto

Elisabetta Cipollone mamma di Andrea De Nando morto ammazzato il 29/01/2011

Tags:
coronacarcerecinque anni

i più visti




casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.