A- A+
Cronache
Scuola Telefonini cellulari 15

L’hanno aggredita fuori da scuola, proprio mentre la ragazzina stava per prendere l’autobus e tornare a casa. Questa volta però a compiere l’aggressione sono state delle compagne, sue coetanee di 15 anni. A riferire l’episodio è il Tirreno. Secondo quanto si apprende la 15enne è stata bloccata dopo una discussione e malmenata a lungo.

Labbro rotto, zigomo tumefatto, grande paura. La studentessa, terrorizzata, torna dentro la scuola e racconta l'accaduto a cinque insegnanti che l'aiutano a tamponare la ferita. In quell'istituto tutti si conoscono bene: trecento alunni, quasi tutte ragazze.

Il bisticcio nasce da alcune rivendicazioni incrociate, un crescendo di insulti sui suoi comportamenti con i maschi. Tornata a casa i genitori l'hanno portata al pronto soccorso. I medici riscontrano ferite superficiali e assegnano qualche giorno di prognosi.

Ma i genitori vogliono andare in fondo. Il giorno seguente il preside dell'Istituto, Ivo Regoli, incontra i genitori della ragazza aggredita. Spiega loro quanto tornato a ripetere ieri, che “l'episodio è deprecabile ed increscioso” e che “è difficile intervenire con sanzioni disciplinari da parte della scuola perché l'aggressione è avvenuta fuori dalla sede e lontano dall'orario di lezione”.

Ma il padre della ragazza si rivolge ai carabinieri di Montemurlo che indagano e tentano, innanzi tutto, di mediare tra la scuola e i genitori della 15 enne aggredita, che ce l'hanno con l'istituto “che non avrebbe sorvegliato le ragazze e provveduto a segnalare — tramite i loro vertici — l'evento alle forze dell'ordine”.

Il preside Regoli conferma che nei prossimi giorni “i consigli di classe si riuniranno e discuteranno della vicenda”, mentre la Procura dei minori — secondo fonti investigative — non si sarebbe ancora interessata al caso. “Ho avuto modo di parlare con le ragazze coinvolte nella vicenda e con i loro genitori: l'unico modo per non arrivare a questi episodi — chiarisce il preside — è una collaborazione più stretta tra famiglia e scuola”.

Tags:
scuolaaggressionebaby gangpreside

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni

BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.