A- A+
Cronache
tribunale

Prima lei lo ha fatto arrestare per estorsione. Perché lui, dopo che si erano lasciati, continuava a farle telefonate e mandarle sms per riavere il denaro speso per comprarle i regali e per frequentarla. Il processo è iniziato e loro si sono ritrovati in tribunale. E proprio lì hanno ammesso davanti a tutti che l'amore era sbocciato di nuovo. Ma ormai per la giustizia era troppo tardi. L'estorsione è un reato per il quale si procede d'ufficio e la vicenda era ormai approdata in udienza preliminare, dove ora lui è stato condannato a 2 anni e 4 mesi davanti a lei, con gli occhi lucidi.

Protagonisti della vicenda, sono Asan Sejat, 23 anni, macedone, e S.S., 21 anni, di Brembate Sopra, che sono stati insieme per quattro anni, dal 2006 al 2010, come racconta Il Corriere di Bergamo. Poi si sono lasciati. E lui le ha presentato il contro: in totale 680 euro, che comprendono multa per guida senza patente mentre stava andando a trovarla, profumi, una visita medica, il dentista e un book fotografico. Richieste insistenti, secondo lei, che si mette d'accordo con i carabinieri e, quando incontra il ragazzo per restituirgli i soldi, per lui scattano le manette. Poi l'obbligo di dimora a Zogno. Martedì mattina prima dell'udienza lui confida al suo avvocato che sono tornati insieme. Il legale lo riferisce in aula, il giudice chiede spiegazioni alla ragazza - non si è costituita parte civile - che conferma. Pace fatta. Per la giustizia non conta. Ma per lui sì. Al suo avvocato dice: "Non sono arrabbiato, voglio stare con lei".
 

Tags:
amantipacegiustiziadenuncia

i più visti




casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.