A- A+
Cronache

 

Marijuana cannabis 1

Coltivazione collettiva, ma solo a uso terapeutico. A Racale, nel Salento, nasce il primo "Cannabis social club" d'Italia. A sostenere l'iniziativa il Comune della cittadina. I promotori sono due giovani, un ragazzo e una ragazza, affetti da sclerosi multipla. All'associazione aderiscono anche don Gallo, il gruppo musicale Sud Sound System e il cantautore Eugenio Finardi. E in pochi giorni sono già oltre mille le persone, affette da varie patologie, ad aver richiesto di entrare a far parte del club.  

Lucia Spiri e Andrea Trisciuoglio, I due giovani affetti da Sclerosi multipla, presentano ufficialmente la loro iniziativa. sono rispettivamente presidente e segretario dell'associazione "Lapiantiamo", nata il 15 gennaio scorso e alla quale aderiscono, scrive il Corriere del Mezzogiorno, il fondatore della Comunità San Benedetto al Porto di Genova, don Andrea Gallo, i Sud Sound System ed Eugenio Finardi.

Lucia e Andrea, continua il quotidiano pugliese, utilizzano tutti i giorni il Bedrocan, un farmaco a base di infiorescenze di Cannabis proveniente dall'Olanda e prescrivibile in Puglia grazie a una delibera della Regione che consente alle farmacie ospedaliere di ricevere il medicinale e, a quanto pare, non facile da reperire. Ciò, secondo i fautori del "Cannabis social club", porterebbe tanta gente a ricorrere al mercato nero e persino alla criminalità organizzata.

Tags:
cannabissocial clubracale

i più visti




casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.