"Nessuna psicosetta", assolto il fondatore di Arkeon

Clamorosa svolta ieri in Tribunale a Bari: delegittimato dalla magistratura il teorema della "più estesa psicosetta mai esistita in Italia", Vito Carlo Moccia assolto da tutte le accuse, l’unica imputazione sanzionata dal Tribunale è legata alla mancata iscrizione all’Albo degli Psicologi

È stata definita ieri a Bari la sentenza di primo grado relativa al processo Arkeon. Vito Carlo Moccia, principale imputato, è stato assolto da tutti i capi d’imputazione a esclusione dell’associazione per delinquere finalizzata all’abuso di professione psicologica, dovuta alla scelta di non iscriversi all’Albo. Sono risultate infondate le accuse di maltrattamenti, truffa, violenza privata, procurato stato di incapacità e calunnia, a testimonianza della totale strumentalizzazione mediatica del processo.

“Ho sempre avuto fiducia nella giustizia, e ancor più fiducia in Dio, - ha dichiarato il protagonista della vicenda, Vito Moccia - in cuor mio sapevo che nulla sarebbe potuto accadere se non l’affermazione della verità. Il teorema della “psicosetta” è stato completamente smontato dal Tribunale. Ma nel frattempo, nel corso di questa lunghissima odissea giudiziaria durata anni, un’associazione come Arkeon – che ha sempre sostanzialmente operato nel rispetto della legge – è stata stroncata, chiusa a forza, i membri inquisiti e le loro vite rovinate. Arkeon era un luogo dove riflettere, dove migliorarsi, per alcuni anche un luogo dove ritrovare la fede: siamo stati dipinti in modo strumentale come persone spregevoli, quasi dei demoni, i nostri figli sono stati insultati a scuola, qualcuno di noi ha perso il lavoro, io stesso sono stato rovinato – nella salute e non solo - da persone malintenzionate che hanno manipolato i fatti, alterato la verità, inventato bugie di sana pianta. L’unico ‘crimine’, se così si può dire, mio e dei miei collaboratori, è di non essere iscritti all’epoca all’Albo degli Psicologi: va bene, pagheremo il giusto per questo, ma da qui a ciò che si è detto e scritto su di noi e sull’Associazione Arkeon vi è un abisso.

 

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

IL SIGNIFICATO DELLA SENTENZA SU “ARKEON”

Il giorno 16 luglio 2012 il Tribunale di Bari ha pronunciato una articolata sentenza in esito al processo contro Vito Carlo Moccia ed i suoi adepti e maestri, con lui associati a delinquere, imputati – appunto – del reato associativo (di cui Vito Carlo Moccia è stato riconosciuto promotore e fondatore) e di un’altra serie di reati satellite, consumati in occasione dei
vari seminari tenuti da “The sacred path”.

A dispetto di dichiarazioni fuorvianti rilasciate nell’immediato dagli imputati, direttamente o tramite i propri difensori, và chiarito che il Tribunale ha assolto gli imputati solo con riferimento al reato di calunnia in danno di Lorita Tinelli e di G. M., mancando la prova della volontà di calunniare. Per tutti gli altri reati contestati, si è invece raggiunta la prova della loro sussistenza! Ed infatti, ferma restando la condanna per il reato di associazione a delinquere e per quello di esercizio abusivo della professione di psicologo, i reati di violenza privata (originariamente contestata come violenza sessuale di gruppo e poi derubricata) e di maltrattamenti sono stati ritenuti consumati, ma dichiarati prescritti (ovverosia è passato troppo tempo perché la pretesa punitiva dello Stato possa continuare ad essere coltivata).

Lo stesso dicasi per le molte truffe perpetrate dagli imputati, che sono state ritenute truffe semplici (senza aggravanti) e quindi perseguibili solo a querela, che nella fattispecie mancava.

Ma ciò che è chiaro, e che gli imputati fingono di ignorare, è che il presupposto per dichiarare l’improcedibilità per prescrizione o per mancanza di querela è l’accertamento della responsabilità, come infatti troveremo spiegato nelle motivazioni della sentenza.

Nessuna assoluzione, quindi, per Moccia ed i suoi associati (salvo che per la calunnia), ma conferma che tutti i gravi fatti denunciati erano veri e comprovati!


Avv. Marco Marzari

Legale delle parti civili del Processo
Consulente del CeSAP

PROF. RAFFAELLA DI  MARZIO – Psicologa e Docente, una delle più note esperte italiane di nuovi movimenti religiosi, autrice del volume “Nuove religioni e sette”

 

“Sono una delle prime studiose che si è pronunciata affermando che l’Associazione Arkeon non era una setta, perché non ne aveva minimamente le caratteristiche, dal momento che – tra l’altro – si entrava e si usciva come si voleva e non si veniva mai neanche richiamati per fare nuovi corsi. Le sette esistono, ovviamente, ma non tutto può essere definito setta, non si può fare di tutta l’erba un fascio. Per questa presa di posizione onesta, chiara e trasparente sono stata anch’io perseguitata e indagata, con una successiva archiviazione del procedimento per totale infondatezza della notizia di reato: vi era un tempo in cui chiunque si avvicinasse ad Arkeon anche solo per studiare con obiettività quel gruppo, veniva violentemente attaccato come ‘complice di una pericolosa psico-setta’, setta che in realtà anche la Magistratura ci conferma oggi non essere mai esistita.

 

 

LEGGI I DOCUMENTI INTEGRALI

Dispositivo sentenza

Spiegazione capi di imputazione con sentenza e parti civili

 

 


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

In evidenza

Ascolti, Isola dei Famosi top Harry Potter batte Floris

I sondaggi di

Secondo te, chi ha maggiori possibilità di sconfiggere Matteo Renzi alle prossime elezioni politiche?

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it