A- A+
Cronache
bolshoi ape

Il mandante dell'aggressione con l'acido al direttore artistico del corpo di ballo del Bolshoi "e' ancora a piede libero" e dietro al ballerino solista, arrestato come mente dell'aggressione, vi e' un "burattinaio" di cui gli "inquirenti devono ora scoprire l'identita'". A parlare e' il direttore generale del celebre teatro moscovita, Anatoly Iksanov, in un'intervista al canale Rossia 1.

Intanto, l'agenzia Interfax ha reso noto che gli investigatori hanno ascoltato i componenti del corpo di ballo, nell'ambito delle indagini che hanno portato la settimana scorsa all'incriminazione di Pavel Dmitricenko, 28 anni, per aver ordinato l'aggressione al vetriolo che ha sfigurato e compromesso la vista di Serghei Filin, il 17 gennaio. Con lui, a finire sul banco degli imputati, sono anche i due complici, rei confessi: Yuri Zarutski, l'aggressore materiale, e Andrei Lipatov, l'autista.

I ballerini del Bolshoi, sempre stando a Interfax, hanno confermato i dubbi di Iksanov. Questi, in precedenza, aveva accusato il solista Nikolai Tsiskaridze di aver ispirato l'attacco, ma la polizia ha avvertito di non trarre conclusioni affrettate. Dal canto suo, Tsiskaridze ha respinto le accuse, anche se ora sono in molti a guardarlo con sospetto. Il suo nome e' comunque legato alla solista Anzhelina Vorontsova, fidanzata di Dmitrichenko, il quale avrebbe ordito l'agguato per vendicare il fatto che Filin avesse rifiutato di affidarle un ruolo importante. La Vorontsova, e' allenata proprio da Tsiskaridze. Intanto, ombre si allungano anche sull'operato degli inquirenti. Una fonte anonima all'interno del teatro ha rivelato al giornale Moskovsky Komsomolets che Dmitrichenko ha confessato il suo crimine, giovedi' scorso, perche' "costretto fisicamente" dopo 48 ore di interrogatorio senza i suoi legali e senza consumare un pasto.

Tags:
bolshoiaggressione

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.