A- A+
Cronache
dottore

Buone notizie in arrivo dagli Stati Uniti, dove è in corso un graduale declino della mortalità per tumore a partire dai primi anni '90. Lo svela l'ultimo rapporto federale, anche se gli autori sottollineano che resta ancora molto da scoprire in materia di prevenzione per mantenere e migliorare ulterioramente questi progressi.

"La continua diminuzione della mortalità dovuta al cancro in questi due ultimi decenni è un risultato di cui rallegrarsi", sottolinea John Seffrin, patron dell'American Cancer Society. "La sfida adesso è quella di migliorare i risultati sconfiggendo ostacoli come l'obesità e le infezioni da papilloma virus (HPV), responsabile della maggior parte dei tumori al collo dell'utero", aggiunge.

Dal 2000 al 2009 il tasso di mortalità dei malati di cancro è diminuito dell'1,8% all'anno per gli uomini, dell'1,4% tra le donne e dell'1,8% tra i bambini e ragazzi di età inferiore a 14 anni. In questo stesso periodo l'incidenza generale del cancro negli Stati Uniti è diminuita dello 0,6% all'anno tra gli uomini, è rimasta stabile tra le donne ed è cresciuta tra i bambini con meno di 14 anni.

"Dobbiamo comunque ancora fare progressi sul fronte della prevenzione", sottolinea Thomas Frieden, direttaore del Centro federale per il controllo e la prevenzione delle malattie. Per esempio la prevenzione del cancro al collo dell'utero attraverso il vaccino contro l'HP: "Ancora oggi troppo ragazze arrivano all'età adulta senza essre state vaccinate".

Dal 2000 al 2009, il tasso annuale di mortalità tra gli uomini è diminuito per dieci dei 17 tumori più frequenti (tumore, prostata, colon, sangue - leucemia, ghiandole - linfoma non-Hodgkin - rene, stomaco, ossa - Mieloma, faringe e laringe). Al contrario, sono in aumento i tumori della pelle, così come il cancro al pancreas e al fegato.

Durante questo stesso periodo, il  tasso di mortalità annuale tra le donne è sceso per quindici  dei 18 tumori più comuni (polmone,  mammella, colon e retto, ovaio, sangue, ghiandole, cervello, ossa, rene, stomaco, cervice dell'utero, vescica, esofago, cavo orale, faringe e cistifellea). Ma la mortalità femminile è aumentata per i tumori di fegato, pancreas, e utero.

Secondo gli ultimi dati della American Cancer Society, il cancro ha causato 577.190 morti nel 2012 negli Stati Uniti, di cui 301.820 uomini e 275.370 donne; 1,6 milioni di nuovi casi sono stati diagnosticati.

 

Tags:
cancroprevenzionemortemalattieutero

i più visti




casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.