A- A+
Cronache
carabiniere di spalle

Si è sparato proprio davanti agli occhi della sua compagna, puntandosi l'arma di ordinanza al petto. Così si è suicidato il maresciallo dei carabinieri Massimiliano Guerra, 39enne vicecomandante da un paio d'anni della stazione di Lendinara. I due si trovavano in un appartamento a Piacenza d'Adige, nel Padovano, dove convivevano dalla fine del 2012.  All'origine del gesto sembra ci sia stato un litigio, come racconta il Corriere del Veneto. Secondo la prima ricostruzione dell'accaduto, Guerra, separato dalla ex moglie, era rientrato dal turno di servizio. Il diverzbio è scoppiato forse per motivi di gelosia, ma la causa è ancora accertata. Esasperato e fuori controllo dall'aspra discussione, il maresciallo 39enne avrebbe quindi estratto l'arma di ordinanza sparandosi al petto di fronte alla sua compagna che poi ha dato l'allarme chiamando il 112. Che i rapporti tra i due conviventi non fossero semplici era un dato noto da molto tempo.  Oltre alla ex moglie, che vive nel Vicentino con due figli dodicenni avuti con lui, Massimiliano Guerra lascia anche la madre che abita nella capitale.

Tags:
carabinieresparapettocompagnalitigio

i più visti




casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022

Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.