A- A+
Cronache

di Nichi Vendola*

Tutte le volte che ho visitato un Cie confesso di aver provato un grande sentimento di vergogna: un luogo cosi' degradato, cosi' umiliante, cosi insopportabilmente lesivo della dignita' della persona umana. Cio’ che sta avvenendo da giorni e giorni a Gradisca, cio’ che e’ avvenuto al Cie di Crotone e’ inaccettabile per un Paese civile. 

E’ inaccettabile un luogo di reclusione nel quale non e' possibile esercitare neanche i diritti che sono disponibili per i normali detenuti. Io credo che, in ogni caso, il Cie sia in se' una realta' antigiuridica e incivile, figlia di quella cultura feroce quanto inefficace che ha generato un mostro come la Bossi-Fini.

Quello che vivono coloro che ne vengono reclusi e’ un piccolo inferno. Per questo chiediamo al governo di chiudere, per ragioni di igiene pubblico e di decoro istituzionale i Cie presenti nel nostro Paese. Un Paese civile  non puo’ tollerare altre tragedie, il governo si adoperi per mostrare al mondo che l’Italia e’ un Paese capace di accogliere e di rispettare le persone.

*presidente di Sinistra Ecologia Libertà

Tags:
cievendolaluoghidignitàsenza
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
Automotive ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti

Automotive
ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.