A- A+
Cronache
Imprigionato per 40 anni in gabbia dalla madre

Tenuto 40 anni in gabbia da sua madre: è la storia drammatica di un ragazzo che ha letteralmente vissuto in una prigione creata ad hoc. Il racconto giunge dalla cine e vede protagonista l'ormai 48enne Peng Weiqing cresciuto tra le sbarre nella sua casa a Zhengzhou.

La signora Peng Waimei non si sente in colpa per la cosa e fa sapere di averlo fatto per spirito protettivo. Il ragazzo aveva difatti iniziato a soffrire di violente crisi epilettiche da quando aveva sei anni. Il rimedio pensato dai genitori  è stato quindi di ingabbiarlo perché non si facessse male visto che non avevano neppure un'assicurazione sanitaria che potesse supportarli. Da lì la prigione poco più grande di un lettino.

"Lui non controlla se stesso - dice la donna sulle pagine del Daily Mail - Quando era piccolo ha provato anche a tagliarsi con i vetri". Dopo la morte del marito, la mamma ormai 80enne, lancia un grido d'aiuto: "Qualcuno si occupi di miio figlio quando morirò".


  

 

 

 

Tags:
cinagabbia
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.