A- A+
Cronache
Cinque mesi senza fisioterapia. Ora il detenuto rischia le gambe

Attende da cinque mesi di poter fare fisioterapia in carcere, ma per cinque mesi non gli viene permesso: quando poi finalmente viene trasferito in una struttura dove potrebbe iniziarla, i medici decidono di non accettarlo perché le sue condizioni cliniche sono ormai troppo gravi e non più gestibili. Accade ad un uomo, Claudio B., italiano, 46 anni, detenuto nel carcere di Regina Coeli a Roma: la sua storia è stata resa nota dal garante per i detenuti Angiolo Marroni, che parla di “vicenda surreale a metà strada fra malasanità ed eccesso di ottusa burocrazia”.

Il 21 aprile scorso – ricostruisce il garante - Claudio, detenuto a Rebibbia N.C., cade in carcere e da quel momento inizia la sua odissea: l’uomo viene subito ricoverato nel reparto protetto dell’ospedale “Pertini” con una diagnosi di “Plegia arto superiore dx ed arti inferiori bilateralmente associata ad alterazioni del visus e a deficit campo visivo in occhio dx insorte dopo trauma da caduta”. In pratica ha una paralisi al braccio destro e agli arti inferiori, legati a deficit visivi. Al momento della dimissione, i medici raccomandano il trasferimento in una struttura carceraria dove sia possibile eseguire cicli di fisioterapia e il costante monitoraggio neurologico. Il 13 giugno Claudio viene però trasferito al Centro Clinico di Regina Coeli dove è universalmente noto che non viene effettuata la fisioterapia. Il 7 luglio, viste le sue condizioni e le reiterate segnalazioni dei medici di Regina Coeli, il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, dispone l’assegnazione dell’uomo nel carcere di Velletri, ma tale trasferimento è avvenuto solo il 20 settembre, dopo il pressante intervento del Garante. Arrivato a Velletri, Claudio ha trovato un’altra sorpresa: i medici del carcere hanno deciso di non accettarlo, non ritenendo gestibili le sue problematiche cliniche e l’uomo è stato quindi rispedito in ambulanza a Regina Coeli.

La sostanza di questa odissea – argomenta Marroni - è che a 5 mesi dalla caduta, Claudio non ha ancora beneficiato della fisioterapia con gravi rischi per la sua integrità fisica”. Secondo i medici, infatti, ogni giorno che passa allontana sempre di più la possibilità per Claudio di recuperare il normale uso degli arti. Proprio in queste ore – dice - ho inviato un telegramma al Provveditorato dell’amministrazione penitenziaria: quest’uomo deve essere curato al più presto”. Secondo Marroni “questa vicenda dimostra che i problemi del carcere non sono legati solo al sovraffollamento, ma che errori, eccessi di burocrazia, leggerezze e mancanze di comunicazione possono creare danni ancor più gravi”.

Fonte: www.redattoresociale.it

Tags:
fisioterapia
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.