A- A+
Cronache
Concordia Quadro anniversar

I soccorsi alla Costa Concordia dopo il naufragio diventano un quadro. L'iniziativa è di uno dei tremila passeggeri della nave da crociera, il giornalista romano Luciano Castro, che ha affidato i suoi ricordi e le sue emozioni di quella notte sull'Isola del Giglio all'artista romagnolo Giuseppe Rava.

"Non esistevano immagini della concitata fase dei soccorsi, del recupero dei naufraghi in mare o con gli elicotteri, del loro sbarco al porto del Giglio e della straordinaria gara di solidarietà della popolazione gigliese", spiega Castro. "Ho voluto allora colmare questa lacuna, facendo realizzare un'illustrazione pittorica che raccontasse quei momenti sulla base di quanto ho visto e vissuto". Castro fu il primo a dare la notizia del naufragio alla stampa da bordo della nave poco dopo l'impatto con lo scoglio ed è anche il coautore dell'ebook "Concordiagate". Il quadro è stato realizzato con una tecnica a tempera molto realistica, quasi fotografica, simile a quella utilizzata a metà del secolo scorso in ambito giornalistico, ad esempio per le storiche copertine disegnate della "Domenica del Corriere".

"VADA A BORDO, CAZZO!". DENTRO IL PROCESSO: LE CARTE SEGRETE DEL NAUFRAGIO CONCORDIA

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO CARTACEO

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO IN FORMATO EBOOK

************************************************
concordia web

 

 

In vista del primo anniversario del naufragio il prossimo 13 gennaio, Castro ha fatto anche realizzare delle riproduzioni artistiche del quadro: "Desidero donarle a coloro che quella notte ci aiutarono con grande generosità, a partire simbolicamente dal sindaco Sergio Ortelli e dal parroco don Lorenzo Pasquotti. Sarà un modo per esprimere la mia sincera gratitudine, ma anche per lasciare alla storia una testimonianza iconografica della fase dei soccorsi e dell'assistenza ai naufraghi". La consegna delle stampe avverrà al Giglio, nel giorno dell'anniversario del naufragio. "Secondo me, c'era il rischio che questa tragica vicenda, almeno dal punto di vista delle immagini, passasse alla storia soprattutto per le foto della nave semisommersa e del comandante Francesco Schettino", sottolinea Castro. "L'aspetto più importante, invece, è l'eroica generosità dei gigliesi e di tutti i soccorritori degli enti civili e militari, senza dimenticare anche i tanti membri dell'equipaggio che aiutarono i passeggeri a mettersi in salvo".

Il quadro (formato originale 49x34 cm) è articolato in due immagini di grande impatto, che raccontano altrettanti momenti dei soccorsi dopo il naufragio. Nella parte sinistra, è riprodotta la Costa Concordia già molto inclinata, con le scialuppe che si allontanano e la barca di un pescatore gigliese che ha recuperato in mare alcuni naufraghi. Sono visibili anche le motovedette della Guardia di Finanza e dei Carabinieri, oltre all'elicottero della Guardia Costiera con un aerosoccorritore pronto a calarsi sulla nave. Nella parte destra del quadro, invece, è "fotografato" un momento dello sbarco di alcuni naufraghi da una scialuppa al porto del Giglio, aiutati da un gruppo di gigliesi. Sullo sfondo, sono ben visibili il molo con il faro rosso, altre scialuppe che sbarcano folle di naufraghi e un elicottero dell'Aeronautica Militare in volo di perlustrazione.

L'artista Giuseppe Rava è nato e lavora a Faenza (Ravenna) e ha iniziato la sua attività trenta anni fa da autodidatta: è specializzato in illustrazioni pittoriche di grande realismo a soggetto storico e militare, che realizza per numerose case editrici italiane e straniere. "Ho fornito a Rava un progetto dettagliato dell'opera. E lui è riuscito perfettamente a dare forma e colore ai miei ricordi", spiega Castro. "Quando ho visto il quadro finito, mi sono emozionato!".

 

 

concordia corpi 27

Guarda la gallery

 

 

 

Tags:
concordiaquadroanniversariogiglioschettinocosta

i più visti




casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.