A- A+
Cronache

 

documentario carcere 1

Quando ha ucciso il padre, un neonazista fanatico che l’aveva educato con violenza, Joseph Hall aveva solo 10 anni.

Ora, due anni dopo, è stato riconosciuto colpevole di omicidio “Il minore sapeva che quanto fatto era sbagliato”, ha dichiarato il giudice Jean Leonard della Corte della Contea di Riverside, a est di Los Angeles, aggiungendo che il bambino aveva premeditato l'aggressione dopo le minacce del padre di separarsi dalla moglie e di abbandonare la famiglia.

Adesso il ragazzino rischia di restare in carcere fino a 23 anni. Joseph Hall aveva ucciso il padre con diversi colpi di arma da fuoco, esplosi alla testa mentre l'uomo dormiva, ubriaco, su un divano.

“Ha messo il tamburo della pistola sulla testa del padre e ha premuto il grilletto - ha aggiunto il giudice - c'è stata premeditazione e comprensione nell'atto di commettere questo crimine”. Il giudice ha anche detto che il bambino, nei due anni precedenti l'omicidio, era stato educato all'estremismo attraverso attività dell'organizzazione neo-nazista “National Socialist Movement”.

Tags:
neonazistabambinocondannatoomicidio

i più visti




casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.