A- A+
Cronache
viaggiare

In molte metropoli europee, ma anche nei capoluoghi italiani, le tariffe dei pernottamenti alberghieri sono sensibilmente diminuite. Lo dimostra il barometro aggiornato delle tariffe alberghiere di hotel.info, il servizio gratuito di prenotazione alberghiera online per oltre 210.000 alberghi in tutto il mondo. Se in Italia nelle principali città gli hotel mantengono i prezzi dell'anno scorso o lievi diminuzioni, nelle nazioni europee toccate dalla crisi le cifre sono calate quasi del 20%.

I prezzi dell'alberghiero in Italia a fine 2012

Rispetto alle tariffe nazionali, Milano con un importo medio per il pernottamento di 105,10 euro si è confermata essere la più cara. Le tariffe per le camere sono rimaste comunque stabili rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre nell'intera Lombardia si è registrata una leggera diminuzione del -2,18%.

Anche nel Lazio gli ospiti degli alberghi hanno risparmiato complessivamente: in questo caso, in media il 4,54% rispetto all'anno precedente. Roma si è rivelata leggermente più economica, con una media di 90,26 euro (-3%). E Napoli ha registrato diminuzioni vicine al -6% con una media di 71,37 euro a camera.

I prezzi dell'alberghiero in Europa a fine 2012

Nonostante a Mosca le tariffe per il pernottamento siano diminuite del -2,39%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, la capitale russa rimane la meta più cara in Europa con una media di 179,39 euro. Londra con 166 euro circa conquista il 2º posto. A seguire le quattro capitali scandinave. A Kiev i prezzi degli hotel si sono mantenuti a un livello relativamente alto: con un costo medio di 121,39 euro gli ospiti nel mese di novembre hanno comunque sborsato un bel po' di meno, rispetto al 2011. In questa panoramica Roma si rivela particolarmente attraente per i turisti stranieri con i suoi 90,26 euro di media.

Gli effetti della situazione economica si sono fatti sentire in particolare nel settore alberghiero dei Paesi che più hanno subito finora la crisi, Grecia e Portogallo. Le tariffe medie per le camere a Lisbona sono diminuite di circa il -16% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, ammontando a 68,15 euro, e ad Atene persino di oltre il -18%, arrivando a 67,12 euro.

I risultati del barometro delle tariffe alberghiere per altre capitali e metropoli internazionali (prezzi in euro)

Anche nel mese di novembre 2012 le camere nella Grande Mela si sono rivelate particolarmente alte, con una media di 229,88 euro. Vi è da considerare che i costi per il pernottamento per gli ospiti provenienti dall'area europea sono aumentati del +10% circa, a causa dell'aumento delle tariffe per le camere e dell'indebolimento dell'euro. Anche a Sydney l'aumento del +6,58%, con un importo medio di 192,56 euro, è da imputare alle oscillazioni valutarie. Mentre Tokio con 173,77 euro e Zurigo con 153,21 euro si sono confermate città in alto in classifica, gli ospiti di Istanbul hanno usufruito di una diminuzione delle tariffe per il pernottamento, con cifre medie pari a 98,08 euro.

La rilevazione è stata condotta prendendo in considerazione le tre più grandi città e regioni italiane, nonché le capitali internazionali con almeno 500.000 abitanti.

Tags:
debolezzaeurocamerehotel

i più visti




casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.