A- A+
Cronache
Marijuana cannabis 1

Dosi elevate di stupefacenti rinvenute nella disponibilità di una persona non bastano a provare che questa sia dedita ad attivita' di spaccio. Lo sottolinea la Cassazione, annullando con rinvio la condanna per detenzione ai fini di spaccio inflitta dalla Corte d'appello di Napoli a un 29enne trovato in possesso di un grammo di cocaina e 15 grammi di hashish.

"Va innanzitutto riaffermata - scrivono i giudici della sesta sezione penale della Suprema Corte - l'applicabilita' delle comuni regole probatorie anche nella materia della detenzione di stupefacenti a fini di spaccio": si deve "escludere - osservano gli 'ermellini' - che la relativa norma incriminatrice introduca una qualsiasi forma di prova legale, in particolare di presunzione di colpevolezza, come pure talora e' stato affermato quale conseguenza della previsione di 'dosi medie' individuate per ciascuno stupefacente; il superamento delle quantita' predette da parte del detentore di droga non dimostra, di per se', che la droga sia destinata all'uso di terzi".

Leggendo il testo dell'articolo 73, Dpr 309/90, gli alti giudici sottolineano che "l'interpretazione letterale di tale disposizione di legge dimostra con immediatezza che non si e' in presenza di una ipotesi di presunzione, sia assoluta o relativa, di responsabilita' penale in caso di superamento della citata soglia dei 'limiti massimi'".

Inoltre, il "superamento dei limiti tabellari non puo' neanche rappresentare - osserva ancora la Cassazione - una presunzione relativa, nel senso che, superato il limite delle tabelle, sia l'imputato a dovere offrire la prova insuperabile della destinazione ad uso personale". Nella norma, conclude la sentenza, "non vi e' alcuna finalita' di invertire le regole in tema della prova della responsabilita' penale": tale prova "secondo i criteri ordinari, dovra' essere fornita dall'accusa, che potra' certamente valorizzare, ma nello specifico contesto fattuale, i parametri citati quali indizi ed utilizzare le tabelle per la corretta individuazione del numero di dosi utili che possano essere ricavate dalle varie e numerose sostanze inserite nell'elenco delle sostanze stupefacenti".

Tags:
drogadosi elevatespacciocassazionesentenza

i più visti




casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.