A- A+
Cronache

di Mariella Alberini

Una folcloristica campagna elettorale allontana i cittadini dal voto per l’assoluta mancanza di propositi sulla difesa dei diritti del popolo sugli incontrollati sperperi di denaro pubblico. Quel fiume di miliardi che impingua le tasche di una moltitudine politica da ridurre almeno di due terzi.

Stanno venendo a mancare i fondi di vitale importanza persino ai più importanti Istituti Ospedalieri di Ricerca, fiore all’occhiello del nostro Paese: non ricevono il normale flusso di rimborsi da parte delle Asl. A questi Istituti di Eccellenza ricorrono masse di pazienti da tutta l’Italia per quell’assistenza super-qualificata e comparabile ai migliori Enti Internazionali. Uno scandalo vergognoso poiché miliardi di euro vengono polverizzati dalla mala-politica adesso in corsa elettorale senza alcun programma concreto per rimediare allo sfascio del Paese.

Tra le tante piaghe, quella delle Asl, in sofferenza di fondi per l’assistenza sanitaria e per la sopravvivenza degli Enti Ospedalieri, è la dimostrazione più indecente della pessima amministrazione del denaro pubblico. E’ questa l’ultima terrorizzante novità per i cittadini malati gravi in pellegrinaggio continuo nei Centri Ospedalieri in grado di curarli. Ma terrorizzati e furibondi sono tutti gli Italiani di buona volontà, massacrati dal sistema politico ormai mafioso sotto tutti i punti di vista. Quel sistema che invece di promuovere e sostenere le imprese le costringe a chiudere perché non onora il pagamento puntuale dei debiti.

Centomila imprese scomparse, industrie che affondano, negozi che chiudono, milioni di extracomunitari, creatori involontari di lavoro nero: è questo il panorama che i “corridori” politici, per la maggior parte impresentabili, si apprestano a peggiorare. Su tutti grava l’ipoteca al Quirinale di aspiranti indegni per aver creato e condotto al crollo il nostro Paese. Saranno loro a subire l’implosione del potere accumulato? Speriamo!

m.alberini@iol.it

Tags:
ospedaliagoniacrisi

i più visti




casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.