BANNER

"Quando dico al Papa, stasera esco in città, c'è sempre il rischio che venga con me". L'elemosiniere apostolico Krajewski - il "pronto soccorso del Papa" che in genere distribuisce dai 200 ai 1000 euro a gente che non ce la fa - spiega così lo spirito del suo incarico: "Il Santo Padre mi dice: 'Il tuo conto è buono quando è vuoto'. Poi ogni volta che lo vedo mi chiede: 'Hai bisogno di soldi?'". L'anno scorso l'Elemosineria ha donato un milione di euro: l'incasso delle benedizioni papali.

E a chi gli domanda se il Papa effettivamente lo segua nelle sue uscite notturne l'elemosiniere tace: "Passiamo alla prossima domanda". Non è uomo di troppe chiacchiere. Gli piacciono i fatti, ecco perchè si è subito trovato bene con Bergoglio. Il lavoro di "padre Corrado", come lo chiamano tutti nonostante sia un arcivescovo, non si svolge solo a Roma. Va  in giro nelle case di riposo per anziani, finora una quindicina, ma anche in luoghi lontani colpiti da tragedie, come Lampedusa, dove è andato per quattro giorni in ottobre e dove ha fatto distribuire per conto del Pontefice 1.600 carte telefoniche per i superstiti dei naufragi".

L'Elemosineria è l'ufficio della Santa Sede che il ha compito di esercitare la carità verso i poveri, a nome diretto del Papa: la funzione risale al 1198, e nel corso dei secoli vari Papi se ne sono occupati. Il polacco Krajewski, 50 anni, in Vaticano dal 2000 come elemosiniere al servizio di tre Papi, è stato nominato da Bergoglio il 3 agosto scorso per essere letteralmente la sua 'longa manus' in aiuto dei più deboli. "Ci sono anche le diocesi - spiega - ma il Papa mi ha lasciato la libertà in Italia. L'elemosiniere è libero di agire, spendendo tutti i fondi che provengono dalle offerte per le pergamene. Il giorno dell'ordinazione, parlando coi miei familiari, il Papa ha detto: "Queste sono le mie braccia, sono limitate, se le prolunghiamo con le braccia di Corrado possiamo toccare i poveri di tutta Italia. Io non posso uscire, lui invece è libero".
 

2013-11-29T11:48:56.917+01:002013-11-29T11:48:00+01:00truetrue956116falsefalse4Cronache/cronache413095259572013-11-29T11:48:56.98+01:009572013-11-29T15:56:50.48+01:000/cronache/elemosiniere-papa-rischio-venga-me291113false2013-11-29T13:17:33.203+01:00309525it-IT102013-11-29T11:48:00"] }
A- A+
Cronache

 

 

papa francesco 500 (3)

BANNER

"Quando dico al Papa, stasera esco in città, c'è sempre il rischio che venga con me". L'elemosiniere apostolico Krajewski - il "pronto soccorso del Papa" che in genere distribuisce dai 200 ai 1000 euro a gente che non ce la fa - spiega così lo spirito del suo incarico: "Il Santo Padre mi dice: 'Il tuo conto è buono quando è vuoto'. Poi ogni volta che lo vedo mi chiede: 'Hai bisogno di soldi?'". L'anno scorso l'Elemosineria ha donato un milione di euro: l'incasso delle benedizioni papali.

E a chi gli domanda se il Papa effettivamente lo segua nelle sue uscite notturne l'elemosiniere tace: "Passiamo alla prossima domanda". Non è uomo di troppe chiacchiere. Gli piacciono i fatti, ecco perchè si è subito trovato bene con Bergoglio. Il lavoro di "padre Corrado", come lo chiamano tutti nonostante sia un arcivescovo, non si svolge solo a Roma. Va  in giro nelle case di riposo per anziani, finora una quindicina, ma anche in luoghi lontani colpiti da tragedie, come Lampedusa, dove è andato per quattro giorni in ottobre e dove ha fatto distribuire per conto del Pontefice 1.600 carte telefoniche per i superstiti dei naufragi".

L'Elemosineria è l'ufficio della Santa Sede che il ha compito di esercitare la carità verso i poveri, a nome diretto del Papa: la funzione risale al 1198, e nel corso dei secoli vari Papi se ne sono occupati. Il polacco Krajewski, 50 anni, in Vaticano dal 2000 come elemosiniere al servizio di tre Papi, è stato nominato da Bergoglio il 3 agosto scorso per essere letteralmente la sua 'longa manus' in aiuto dei più deboli. "Ci sono anche le diocesi - spiega - ma il Papa mi ha lasciato la libertà in Italia. L'elemosiniere è libero di agire, spendendo tutti i fondi che provengono dalle offerte per le pergamene. Il giorno dell'ordinazione, parlando coi miei familiari, il Papa ha detto: "Queste sono le mie braccia, sono limitate, se le prolunghiamo con le braccia di Corrado possiamo toccare i poveri di tutta Italia. Io non posso uscire, lui invece è libero".
 

Tags:
elemosinierepaparischiopoveri
in evidenza
Meteo, un vero colpo di scena Torna l'anticiclone delle Azzorre

Un evento storico...

Meteo, un vero colpo di scena
Torna l'anticiclone delle Azzorre

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.