A- A+
Cronache

 

E' stata rinviata al 20 marzo prossimo la prima udienza del processo d'Appello a Danilo Restivo. La corte d'Assise del giudizio di secondo grado, presieduta da Federico Cassano, a latere Francesco Siano, ha rilevato il legittimo impedimento dell'imputato, detenuto in Inghilterra e sul quale la giustizia inglese non ha ancora deciso per una custodia temporanea in Italia. Restivo, difeso ora dagli avvocati Alfredo Bargi e Marzia Scarpelli, contrariamente alla linea adottata in primo grado, ha deciso di partecipare al processo per l'omicidio di Elisa Claps.

La procedura per chiedere la presenza di Restivo a Salerno e' stata avviata prima con la sospensione della partecipazione in video conferenza, richiesta dai legali di Restivo, poi con la trasmissione al ministro degli Esteri italiano degli atti da inoltrare al collega inglese che a sua volta dovra' passare la richiesta ai giudici britannici. Per rilasciare il permesso di custodia temporanea del presunto assassino di Elisa Claps verranno chieste garanzie precise sulle modalita' di detenzione e sull'incolumita' di Restivo. In aula oggi c'era Gildo Claps, fratello della 17enne studentessa di Potenza, scomparsa il 12 settembre 1993 nella chiesa della Santissima Trinita' di Potenza, i cui resti furono ritrovati nel sottotetto 17 anni dopo.

Due anni fa fu arrestato in Inghilterra Danilo Restivo, per l'omicidio della sarta vicina di casa Haether Barnett, delitto compiuto con modalita' simili al caso Claps e per il quale l'ex studente di giurisprudenza e' stato condannato in primo grado all'ergastolo, pena poi ridotta in appello a 40 anni. In Italia, i legali di Restivo auspicano per il giudizio di secondo grado un esito diverso, confidando in una valutazione differente degli indizi a carico dell'unico imputato. Come nel rito abbreviato di primo grado, le udienze dell'Appello si svolgeranno in camera di consiglio. Negata l'autorizzazione a diverse testate televisive che intendevano riprendere le fasi processuali. L'attenzione mediatica sul caso non e' pero' calata e della presenza dinanzi al tribunale di Salerno delle telecamere ha approfittato un artigiano in gravi difficolta' economiche, che ha scavalcato il finestrone posto sull'ingresso principale del palazzo di Giustizia per minacciare di suicidarsi. Un imprevisto che ha ritardato l'avvio del processo perche' proprio il pm Rosa Volpe e' stata impegnata nella trattativa per convincere l'artigiano a desistere.

LEGALE RESTIVO, PROCESSO INDIZIARIO SENZA PROVE - "A giusta ragione Restivo si proclama innocente. Agli atti non c'e' la prova della sua responsabilita' ed e' la convinzione della difesa. Questo e' un processo indiziario". Cosi' Alfredo Bargi, legale di Danilo Restivo, il 43enne potentino condannato in primo grado a 30 anni di carcere per l'omicidio di Elisa Claps. A breve iniziera' davanti alla corte d'assise d'appello di Salerno il processo. Danilo Restivo potrebbe essere presente nelle prossime udienze se la giustizia inglese accordera' la custodia temporanea in Italia gia' richiesta.

FRATELLO ELISA, DA DIFESA SOLO TATTICA DILATORIA - "Non ci aspettavamo la presenza di Restivo e la riteniamo una tattica dilatoria della difesa". Gildo Claps, fratello di Elisa, commenta cosi' la richiesta di essere presente al giudizio d'Appello dell'uomo condannato a 30anni in primo grado per l'omicidio della sorella, avvenuto 17 anni fa a Potenza. "In 20 anni non ha mai voluto parlare e non credo che abbia verita' da raccontare", aggiunge. A breve comincera' il processo di secondo grado. Danilo Restivo da due anni e' detenuto in Gran Bretagna per un condanna all'ergastolo inflitta dalla giustizia inglese per l'omicidio della sarta Haether Barnett.

Tags:
elisa clapsrestivoprocesso

i più visti




casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.