A- A+
Cronache
Estate 2014, ecco tutte le previsioni per le vostre vacanze

Dal primo giugno, decolla, dal punto di vista meteo-climatico, la stagione estiva e, immancabilmente, come ogni anno già fin da adesso nasce l'ansia di sapere con un po' di anticipo se sarà una estate "normalmente" calda oppure rovente. Ecco cosa ne pensa il colonnello Mario Giuliacci, direttore del portale www.meteogiuliacci.it

Una previsione di questo tipo, se elaborata con la dovuta serietà scientifica, è molto impegnativa. Infatti richiede la raccolta e l’analisi di molte informazioni addirittura a livello planetario, per scovare se e quali anomalie siano attualmente in atto nell’atmosfera e, soprattutto, nelle temperature delle acque superficiali degli oceani. Per di più, una volta individuate tali anomalie, l’attenzione del climatologo va focalizzata solo verso quelle che a priori siano notoriamente persistenti, ovvero in grado di resistere anche nei prossimi 3-4 mesi. E’ ovvio infatti che solo tali anomalie potranno influenzare in un verso o nell’altro la nostra estate. Va premesso comunque che le nostre estati sono diventate più calde di una volta a causa del forte riscaldamento subito dal pianeta negli ultimi 30-40 anni. Ma se le temperature estive dipendessero solo da questa causa allora le nostre estati dovrebbero essere tutte egualmente roventi. In realtà sappiamo bene che ciò per fortuna non è avvenuto né sta avvenendo e questo perché sulla intensità della calura estiva intervengono almeno tre altri fattori fondamentali. Ecco quali.

  • In primo luogo le eventuali anomalie estive nella temperatura acque superficiali dell’Atlantico tropicale tra la Costa d’avorio e il Golfo di Guinea, persistenti per un mese o più, perché da queste anomale favoriscono più frequenti incursioni del rovente anticiclone Nord africano verso la nostra penisola. In particolare, più le acque del Golfo di Guinea sono fredde rispetto alla media climatica, tanto più sono attivi e intensi i monsoni che da tale Golfo penetrano fino ai bordi meridionali del Sahara, sloggiando dalla sua naturale sede il rovente anticiclone africano il quale, a seguito di questo, viene sospinto verso il Nord Africa e da qui verso l'Italia. Ebbene le proiezioni del modello di previsione a livello stagionale della NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) degli USA purtroppo intravedono, almeno per giugno-luglio, acque più fredde della norma e quindi una situazione favorevole alle incursioni dell'anticiclone Nord africano verso l'Italia.

  • Un secondo fattore che influenza l’intensità della calura estiva sulla nostra penisola è la piovosità primaverile. Più la primavera è piovosa e maggiore è la probabilità che l’estate risulti “normalmente calda” perché una parte del calore solare estivo andrebbe speso per fare evaporare l'acqua dal suolo inzuppato piuttosto che per riscaldare l'atmosfera. Ebbene fin adesso la primavera 2014 è stata normalmente piovosa e quindi non tale da potere influenzare in un verso o nell'altro il clima dell'estate 2014.

  • Un terzo importante fattore da prendere in considerazione è la presenza o meno del Niño, quell'anomalo surriscaldamento della acque del Pacifico equatoriale, tra le coste del Perù-Cile e le coste Nord orientali dell’Australia e che si ripete a cadenza di 3-5 anni. Infatti anche il Niño è in grado di favorire le incursioni vero l’Italia dell’anticiclone Nord africano. Quest’anno in effetti è previsto un evento di Niño con inizio proprio nella prossima estate, ma in tal modo troppo tardi perché possa influenzare la stagione, visto che il surriscaldamento del Pacifico equatoriale si avverte sulla penisola con 3-4 mesi di ritardo. Tutto questo ci consente di tirare un sospiro di sollievo perché tra tutti i fattori appena elencati il Niño è di gran lunga quello più importante per l'amplificazione della calura estiva. Ne è una riprova il fatto che tutte e solamente le estati che si sono distinte per un caldo quasi record sulla penisola dal 1980 ad oggi, sono state concomitanti ad eventi di Niño, come del resto è avvenuto nel 1983, 1987, 1994, 1998, 2003, 2009 e 2012.

Conclusioni: l'estate 2014 credibilmente sarà un po' più calda della media, come del resto quasi tutte le estati degli ultimi 10-15 anni, ma non tale da raggiungere comunque il caldo record registrato nelle annate nelle quali è stato presente i Niño.

 

 

E LE VIP SONO GIA' IN BIKINI....

BelenFacebook

Guarda la gallery - Belen

NicoleMinetti

Guarda la gallery - Nicole Minetti

 

ruby ape 2

Guarda la gallery - Ruby scappa in Messico: bikini esplosivo per Karima El Mahroug

sara tommasi 0Guarda la gallery - Sara Tommasi: scatti sexy in bikini e tacco a spillo

 

 

Tags:
previsionimeteoestate
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.