A- A+
Cronache

 

hitler

Hanno vissuto per quarant'anni in piena taiga sibreiana. Per questo non sanno niente di quello che è accaduto nel mondo.  Dal 1936 al 1978 una famiglia russa ha vissuto al confine con la Mongolia, in una capanna di legno, vicino al fiume Abakan, senza avere nessun contatto esterno.

Nessuna compagnia, niente notizie, niente tecnologia e per quarant’anni. Tanto da non conoscere neanche la seconda guerra mondiale e i protagonisti politici dagli anni ’30. Hitler e Mussolini compresi. La famiglia ha era isolata, nascosta a circa 150 chilometri dall’insediamento noto più vicino.

I Lykov facevano parte di una vecchia setta religiosa ortodossa perseguitata dagli Zar e dai sovietici. Per nascondersi Karp e famiglia, la moglie Akulina e due figli, Savin, 9 anni e Natalia, 2 anni, hanno abbandonato la propria città natale per scappare nelle montagne. Tra i bagagli soltanto pochi strumenti per coltivare la terra. L'incredibile storia è stata rivelata solo ora.

Tags:
russiaisolamentohitlerguerra mondiale

i più visti




casa, immobiliare
motori
Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.