A- A+
Cronache
cocaina

Giallo a Venezia. Trovato morto il vicecapo di gabinetto del Ministero della Cultura francese. Gilles Le Blanc, 44 anni, era lì in vacanza con la moglie. Sembrava stesse dormendo al suo tavolo, tanto che il titolare gli aveva chiesto se desiderasse un caffè. E invece si è accasciato senza vita sotto gli occhi della compagna e degli altri clienti. Nelle sue tasche c'era una bustina con della cocaina.

A un primo esame dei medici del pronto soccorso, riporta il Corriere del Veneto, sembra trattarsi di una morte naturale causata da un arresto cardiaco. Ma la droga rinvenuta scatena il dubbio che il funzionario francese possa essere morto a causa di una overdose o che, comunque, l'elemento esterno del consumo di droga possa aver contribuito in qualche modo al decesso.

I carabinieri stanno cercando di capire dove possa essersi procurato la sostanza, che verrà sottoposta ad analisi per verificare che non sia stata tagliata con altre sostanze tossiche. Starà al pubblico ministero Stefano Ancillotto decidere se disporre l'autopsia. Le Blanc, in patria, è una personalità importante del governo francese. Il 44enne era stato nominato vicecapo di gabinetto del Ministero della Cultura francese con l'elezione del presidente Francois Hollande.

Tags:
funzionarioveneziacocaina

i più visti




casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.