A- A+
Cronache

 

slot machine

Ha passato 12 ore attaccato alla slot machine. In una sola volta ha perso 23mila euro. Ma avrebbe continuato se non fossero intervenuti gli uomini del 118 che lo hanno portato via in ambulanza.

Urlava, minacciava, proprio non voleva staccarsi dalla macchinetta. Ha giocato tutto quello che aveva e anche  del denaro prestato L’uomo, un imprenditore di Bergamo, ha battuto un record. Si tratta, infatti, di una delle perdite più consistenti causate dalla febbre delle slot secondo i dati dell'Asl.

Si è presentato a una sala giochi dell'Alto Sebino convinto di riuscire a fare un colpo grosso. Si era portato da casa 12mila euro in contanti. Alle 14.30 si è seduto davanti a una Vlt (le Videolottery che permettono di fare giocate fino a 10 euro al colpo) e ha cominciato a infilare una moneta dietro l’altra.

Alle 19, scrive il Corriere, era già al verde. Dopo avere insultato tutti i presenti se n'è andato, per tornare poco dopo con altri 5.000 euro. Alle 23 ha esaurito anche quelli. Non potendo credere di aver perso tutto si è convinto di essere stato truffato.

Ha anche preteso che il titolare gli prestasse altri 3mila euro. Ha ripreso a infilarli nella Vlt, sempre con lo stesso risultato. A mezzanotte e mezza si è trovato di nuovo senza un soldo, e ha replicato la scena di due ore prima: a suon di insulti e pretese si è fatto concedere un nuovo prestito di 3.000 euro.

Sempre più disperato, l'uomo si è giocato pure quelli, fino a trovarsi alle 3 di nuovo senza denaro. A quel punto il proprietario del locale, temendo il peggio, ha avvisato le forze dell'ordine. L’imprenditore è stato immobilizzato e portato in ambulanza in ospedale.

Ora sta seguendo una terapia al Servizio tossicodipendenze dell'Asl di Lovere.

Tags:
bergamoslot machine23mila euroimprenditore

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.