A- A+
Cronache
Green Pass, per i portuali di Trieste non è finita: ora lo “sciopero bianco”
Fabio Tuiach
 

Le proteste contro il green pass, obbligatorio sia per andare a lavorare che per conservare la retribuzione, continuano e si fanno sempre più massicce. Il mainstream parla di un numero basso di lavoratori disposti a scendere in piazza, ma non è vero. Nell’ultimo fine settimana città come Milano, Roma, Torino e Genova hanno visto una presenza importante di manifestanti che ormai da oltre un mese chiedono al governo Draghi una modifica alle norme dell’ultimo decreto-legge (il d.l. n. 127 del 21 settembre 2021 entrato in vigore dal 15 ottobre) e ora la sua abrogazione.

In particolare, spicca su tutte la protesta dei portuali di Trieste capeggiata da un operaio portuale, ex sindacalista, Stefano Puzzer. Il governo, inizialmente indifferente, ha mandato a Trieste il ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli (triestino anche lui) per discutere coi portuali, i quali – per bocca dello stesso Puzzer – il 23 ottobre hanno confermato le loro richieste dopo 20 minuti di colloquio col ministro: 1) rinuncia da parte del governo del green pass obbligatorio per tutti i lavoratori; 2) evitare l’introduzione dell’obbligo vaccinale; 3) il rispetto della Costituzione; 4) scuse pubbliche da parte delle autorità competenti circa la repressione condotta dalle forze dell’ordine la settimana scorsa con l’uso degli idranti sui manifestanti.

Punti sui quali lo stesso Puzzer ha dichiarato che non possono esserci margini di trattativa. Patuanelli ne ha preso atto ed ha annunciato che porterà queste condizioni al Consiglio dei ministri di martedì 26 ottobre, poi posticipato a domani giovedi 27. Nel caso in cui il governo non accogliesse queste richieste, come è molto probabile, Puzzer ha promesso che le proteste continueranno ad oltranza.

Ma cosa possono fare i portuali di Trieste se il governo andasse avanti per la sua strada senza accogliere nessuna delle loro richieste? Una delle soluzioni è quella dello sciopero “tradizionale” a oltranza. Una strada in salita. Il diritto di sciopero, garantito dall’art. 40 della Costituzione “nell'ambito delle leggi che lo regolano”, è regolamentato appunto dalla Legge n. 146/1990. Gli scioperi non sono più quelli degli Anni Settanta e Ottanta, quando i lavoratori godevano di una “forza contrattuale” notevole (erano in grado di tutto e il governo era costretto a trattare).

 

LEGGI ANCHE: 

 

Green Pass, i portuali non mollano: corteo di protesta a Trieste. VIDEO

 

No Green Pass, il giudice "ribelle" Angelo Giorgianni sospeso dal Csm

 

Green Pass, rubate chiavi per creare qr code: disastro, ora verranno annullati

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green passportuali di triestetrieste
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali





    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.