A- A+
Cronache
Ha bruciato viva la fidanzata. I giudici: "Può tornare libero"

Le ha dato fuoco mentre lei gli implorava pietà. Ora, nove mesi dopo, può già tornare libero. E' la storia di Davide, il 18enne di Corigliano Calabro (provincia di Cosenza), che lo scorso maggio ha ucciso la fidanzata di 16 anni, Fabiana Luzzi. Il giovane si è trasformato in assassino al culmine di una lite esplosa per motivi di gelosia. Dopo averla accoltellata l'ha bruciata quando era ancora viva. Adesso il giudice ha deciso che le sue condizioni sono incompatibili con il carcere: "In cella ha tentato due volte il suicidio".

La decisione è stata presa dal Tribunale dei minorenni di Catanzaro, con un’ordinanza che ne dispone per la sospensione della misura cautelare ed il trasferimento in una clinica specialistica. Il ragazzo avrebbe cercato di suicidarsi due volte negli scorsi mesi, nella struttura penitenziaria di Ferrante Aporti di Torino, dove è rinchiuso dalla scorso giugno. Prima avrebbe tentato di impiccarsi con le lenzuola, pochi giorni dopo un altro tentativo andato a vuoto. 

La 16 enne, dopo essere stata accoltellata, fu cosparsa di benzina e bruciata. Davide è accusato di omicidio premeditato aggravato da futili motivi e di calunnia per aver tentato di depistare le immagini prima di confessare l'omicidio. Nel frattempo si attende l'inizio del processo che si terrà con rito abbreviato.

 

Tags:
brucia viva
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.